Regione Lombardia di nuovo colpita da un attacco DDoS.


Mentre scorrono le notizie del nuovo attacco ransomware sferrato dai criminali informatici di Everest contro la SIAE (società italiana degli autori e degli editori), un secondo attacco DDoS ha colpito tra martedì 19 e giovedì 20 ottobre la regione Lombardia.



A comunicarlo è sempre la ARIA Spa, che spiega che tale attacco non ha portato particolari conseguenze.


"Questa notte, entrambi i data center di Regione Lombardia sono stati oggetto di un nuovo attacco hacker di tipologia simile a quella avvenuta lo scorso 15 ottobre (attacco DDoS mirato a rendere indisponibili i servizi), ma con intensità di tre volte superiore rispetto al precedente (circa 1,2 milioni di pacchetti UDP al secondo di piccolissime dimensioni). Ancora una volta l'attacco proveniva dall’estero."

Inoltre ha aggiunto:



"Anche in questo caso, nessun rischio per la riservatezza e l'integrità dei dati dei cittadini. L'attacco malevolo, finalizzato a bloccare l'operatività della Regione Lombardia, è stato infatti prontamente bloccato grazie al monitoraggio continuo e all'intervento dei nostri tecnici, al lavoro in piena notte, che ha consentito già alle ore 05:00 di verificare la piena disponibilità di tutti i servizi."


Ricordiamoci che anche un altro attacco DDoS era