Red Hot Cyber

La cybersecurity è condivisione.
Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed 
incentiva gli altri a fare meglio di te.

Cerca

“Sappiamo i nomi dei figli del vostro CEO!”. I metodi di estorsione del ransomware saranno sempre più brutali

Redazione RHC : 11 Giugno 2024 14:38

Sempre più spesso le persone, durante la loro routine quotidiana, a scuola, in ospedale o in farmacia, si trovano ad affrontare sistemi informatici non funzionanti. Dietro questi incidenti si nascondono spesso gruppi criminali provenienti da diverse parti del mondo, che bloccano i sistemi e chiedono riscatti per ripristinare l’accesso o restituire dati rubati.

L’epidemia del ransomware non mostra segni di rallentamento nel 2024 nonostante gli sforzi delle forze dell’ordine, e gli esperti temono che potrebbe presto entrare in una fase più violenta. “Stiamo decisamente perdendo la lotta contro il ransomware in questo momento”afferma Allan Liska, analista delle minacce di Recorded Future.

Il ransomware potrebbe diventare il crimine informatico più importante dell’ultimo decennio, prendendo di mira un’ampia gamma di vittime tra cui ospedali, scuole e governi. Gli aggressori crittografano i dati critici, interrompendo il lavoro della vittima, quindi estorcono denaro minacciando di divulgare informazioni riservate.

Questi attacchi hanno gravi conseguenze. Colonial Pipeline è stata vittima di un attacco ransomware nel 2021, costringendola a sospendere le spedizioni di carburante e spingendo il presidente degli Stati Uniti Joe Biden a intraprendere azioni di emergenza per soddisfare la domanda. Tuttavia, gli attacchi ransomware si verificano quotidianamente in tutto il mondo: la settimana scorsa hanno colpito gli ospedali del Regno Unito. Molti di loro non fanno nemmeno più notizia.

“Esiste un problema di trasparenza: la maggior parte delle organizzazioni non divulga o segnala questo tipo di incidenti”, ha affermato l’analista delle minacce di Emsisoft Brett Callow. Secondo lui, ciò rende difficile valutare la dinamica della crescita degli attacchi ransomware. I ricercatori devono fare affidamento sui dati provenienti dalle agenzie governative che sono state attaccate o dai criminali stessi.

A quanto pare, il problema non solo non scomparirà, ma addirittura peggiorerà nel 2024. Secondo il rapporto Mandiant gli hacker ricorrono sempre più spesso alla pubblicazione di dati rubati sui cosiddetti “siti della vergogna” o data leak site (DLS). Nel 2023 il numero di pubblicazioni su tali risorse è aumentato del 75% rispetto al 2022. Questi siti utilizzano tattiche appariscenti come il conto alla rovescia fino al momento in cui i dati sensibili delle vittime verranno resi pubblici a meno che non paghino.

“Le loro tattiche stanno diventando sempre più brutali”, afferma Callow.

Ad esempio, gli hacker hanno iniziato a minacciare direttamente le vittime con telefonate o e-mail intimidatorie. Nel 2023, il Fred Hutchinson Cancer Center di Seattle è stato colpito da un attacco ransomware che ha inviato e-mail a malati di cancro minacciando di rendere pubbliche le loro informazioni personali se si fossero rifiutati di pagare.

“La mia preoccupazione è che ciò possa trasformarsi molto rapidamente in vera e propria violenza”, teme Callow. “Se si tratta di milioni di dollari, potrebbero danneggiare il dirigente dell’azienda che si rifiuta di pagare, o i suoi familiari”.

Sebbene non siano stati segnalati casi di violenza derivanti da attacchi ransomware, i gruppi di hacker utilizzano già tali minacce nelle loro tattiche. “Durante le conversazioni trapelate, hanno accennato ad azioni simili, dicendo: ‘Sappiamo dove vive il tuo amministratore delegato'”, ha detto Liska.

Parlando dell’approccio insensibile dei criminali alla vita e alla morte, i ricercatori stimano che dal 2016 al 2021, gli attacchi ransomware hanno provocato la morte di un numero compreso tra 42 e 67 pazienti Medicare a causa di ritardi nella fornitura di cure salvavita.

Gli analisti sono preoccupati anche per i collegamenti tra gruppi specializzati in attacchi ransomware e “The Comm”, una rete internazionale informale di criminali che offrono servizi per attività illegali online, oltre ai crimini informatici tradizionali come lo scambio di carte SIM. I membri delle comunicazioni pubblicizzano la loro volontà di usare la forza fisica, danneggiare proprietà e pubblicare video che pretendono di rappresentare atti di abuso

Recentemente, le forze dell’ordine hanno compiuto alcuni progressi nel fermare le attività dei gruppi di ransomware. Ad esempio, a febbraio, l’operazione Cronos ha rallentato il famigerato gruppo di hacker LockBit sequestrandone i siti Web e offrendo alle vittime la decrittazione gratuita.

Ad esempio, l’operazione Cronos ha utilizzato un vergognoso timer per il conto alla rovescia in stile sito per rivelare l’identità del presunto capo di LockBit, il cittadino 31enne Dmitry Khoroshev. È stato anche accusato e sanzionato per 26 capi di imputazione dai pubblici ministeri statunitensi. Sebbene il suo arresto nel paese ospitante sia improbabile, rivelare la sua identità potrebbe minare la sua credibilità e renderlo un bersaglio.

“Ci saranno persone disposte a usare la forza per portarlo oltre il confine verso un paese dove potrà essere estradato”. I complici possono anche preoccuparsi della possibilità del suo arresto se lascia volontariamente il suo paese di residenza.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.
Nessun sito web disponibile