Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Invia il tuo Green Pass e lo plastifichiamo. Sicuro, veloce: “lo cancelliamo appena stampato”.

Daresti in mano ad uno sconosciuto il tuo nome, cognome, data di nascita e il numero di dosi di vaccino che hai fatto e il tipo di vaccino?

Probabilmente no.

Advertisements

Continua la saga sui Green Pass, ma questa volta ad essere in gioco è proprio la cattiva consapevolezza delle persone alle informazioni contenute nel green pass.

Abbiamo visto collection di Green Pass scaricabili da Emule, oppure su su Telegram e RaidForums perfettamente funzionanti a prezzi variabili, anche in offerte acquistandone più di uno assieme.

Abbiamo visto il portale web chiamato Shindler’s list 2.0, contenente un pratico sistema di ricerca e visualizzazione dei QRCode relativi all’archivio dei 1000 green pass italiani su base nome, cognome e data di nascita.

Advertisements

Oggi invece vogliamo parlare della stampa dei green pass, in modo da renderlo plastificato e facilitare la sua archiviazione e le offerte sono molte e si moltiplicano di ora in ora.

Alcuni post su twitter hanno mostrato che sono presenti molte offerte per la stampa plastificata del green pass.

Advertisements

Potrebbe essere una cosa interessante averlo a disposizione in formato tessera sanitaria, peccato che il green pass contiene dati personali e che dovrebbe essere mostrato brevi mano e non condiviso con nessuno.

Inoltre, in un post riportato da @sonoclaudio, è stata riportata una schermata di tale offerta presente anche su Amazon, la quale riporta “caricate il vostro QR code e a tutto il resto penseremo noi”.

Advertisements

Qualcuno ha domandato tramite i messaggi di Amazon di come facciano le persone a dare i dati personali ad una azienda.

L’azienda ha risposto che è un’azienda rispettabile e che subito dopo la stampa cancellano il green pass e che ci sono solo dati anagrafici nel green pass e “nessun ulteriore dato sensibile o riservato!”.

Il problema è che ci stiamo abituando al fatto che i nostri dati siano alla merce’ di tutti, questo dovuto ad infiniti databreach ed incidenti di sicurezza che hanno riversato su internet qualsiasi dato personale e dato sensibile.

Advertisements

La privacy è morta da tempo, ma la sensibilità delle persone sta degenerando ogni giorno di più.