Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Minority Report non più fantascienza. Algoritmo testato a Chicago e Los Angeles

Un algoritmo con una precisione fino a 300 metri consente di prevedere dove avverrà un crimine o un furto una settimana prima che avvenga con una precisione del 90%

Mentre tali modelli predittivi possono aumentare il potere dello stato attraverso la sorveglianza illegale di persone, allo stesso tempo consentono alle forze dell’ordine di salvarci dai crimini. L’algoritmo è stato testato a Chicago, Atlanta, Austin, Los Angeles e in altre grandi città degli Stati Uniti.

Come parte di un modello separato, il team di ricerca ha anche studiato la risposta della polizia alla criminalità, analizzando il numero di arresti dopo gli incidenti e confrontando questi tassi tra aree di diverso status socioeconomico. Hanno visto che il crimine nelle aree più ricche ha portato a più arresti, mentre sono stati effettuati meno arresti nelle aree svantaggiate. Questo parla di pregiudizi della polizia.

Analisti di dati e sociologi dell’Università di Chicago (USA) hanno sviluppato un nuovo algoritmo che prevede la criminalità studiando i modelli nel tempo e la distribuzione geografica della criminalità violenta (omicidio, aggressione, percosse e così via) e contro il patrimonio (furto con scasso, generale furto in strada e furto d’auto, ecc.), utilizzando solo dati pubblicamente disponibili. 

Advertisements

Il modello può prevedere crimini futuri per la settimana a venire con una precisione di circa il 90%. Gli scienziati hanno descritto il loro algoritmo di inferenza stocastica in un articolo pubblicato sulla rivista Nature Human Behavior.

“Abbiamo creato un gemello digitale dell’ambiente urbano. Se gli dai dati su ciò che è accaduto in passato, ti dirà cosa accadrà in futuro”

ha affermato Ivanu Chattopadhyay, coautore dello sviluppo.

L’algoritmo può essere utilizzato come strumento di modellazione per vedere cosa succede se la criminalità aumenta in una zona della città o le forze dell’ordine si intensificano in un’altra, ha spiegato. Se usi tutte queste variabili, dice, puoi vedere come si evolvono i sistemi in risposta.

Sfortunatamente, utilizzare questo sviluppo per un’opportunità preventiva è inutile. Il fatto è che con l’aumento del lavoro di polizia in una determinata area della città, il tasso di criminalità diminuirà lì. Di conseguenza, i dati inseriti nel programma cambieranno, il che influenzerà l’accuratezza delle previsioni.

Advertisements

Ma l’IA occuperà la sua nicchia, nonostante questo. L’algoritmo dovrebbe essere utilizzato per determinare la strategia per combattere i criminali. Aiuterà la polizia a vedere le debolezze nei sistemi di controllo per potenziali intrusi.

Per più di un decennio, l’intelligenza artificiale ha cercato di essere utilizzata per prevedere la criminalità in numerosi paesi, ad esempio negli Stati Uniti e in Cina. E sebbene i risultati non siano particolarmente pubblicizzati, il pubblico ha un atteggiamento ambiguo nei confronti di tale lavoro. Dopotutto, il funzionamento dei sistemi si basa sulla raccolta di informazioni relative alla vita personale di una persona. In effetti, tutti rientrano nel limite delle informazioni. Inoltre, le conclusioni che il “poliziotto artificiale” fa sono spesso dirette e non tengono conto di molte delle sfumature sia dell’individuo stesso che delle sue relazioni con le altre persone. In una parola, le controversie su tali sistemi continuano, ad esempio, nella città americana di San Cruz, un esperimento durato quasi dieci anni che utilizza l’IA per prevedere il crimine si è concluso con il suo abbandono.