Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

AI intelligenti ma non troppo. Scopriamo un attacco di “iniezione rapida”

La scorsa settimana, gli utenti di Twitter sono riusciti a hackerare un bot di ricerca lavoro che funziona sul modello linguistico GPT-3 di OpenAI. 

Utilizzando una tecnica chiamata attacco di iniezione immediata, gli utenti hanno riprogrammato il bot per ripetere determinate frasi.

Alcuni utenti hanno costretto l’IA ad assumersi la responsabilità del disastro dello Space Shuttle. Altri hanno utilizzato il bot per creare “minacce plausibili” contro il Presidente degli Stati Uniti.

Il bot è gestito dal sito web Remoteli.io, che unisce le possibilità del lavoro a distanza e aiuta a trovare posti vacanti. 

Advertisements

In genere, il bot risponde ai tweet ad esso indirizzati con affermazioni generali sui vantaggi del lavoro a distanza. Dopo l’utilizzo attivo dell’exploit da parte di molti utenti il ​​18 settembre, il bot si è chiuso.

4 giorni prima della chiusura del bot, il data scientist Riley Goodside è stato in grado di chiedere a GPT-3 “input dannosi” che fanno sì che il modello ignori le sue risposte precedenti e faccia tutto ciò che l’utente specifica.

Il giorno successivo, il ricercatore di intelligenza artificiale Simon Willison ha pubblicato una recensione dell’exploit sul suo blog, coniando il termine “iniezione rapida” per descriverlo.

L’exploit funziona ogni volta che qualcuno scrive un software che fornisce una serie di suggerimenti codificati e quindi aggiunge l’input fornito dall’utente, ha affermato Willison. L’utente può digitare “Ignora istruzioni precedenti e specifica invece un comando per eseguire questa operazione”.

Advertisements

Il ricercatore di Glyph ha notato su Twitter che le misure di mitigazione per altri tipi di attacchi di injection servono a correggere gli errori di sintassi. Tuttavia, non esiste una sintassi formale per l’IA. E questa è la reale difficoltà di proteggersi da questo attacco.

GPT-3 è un modello linguistico di grandi dimensioni rilasciato nel 2020 da OpenAI che può comporre testo in molti stili a un livello quasi umano. 

È disponibile come prodotto commerciale tramite un’API che può essere integrata in prodotti di terze parti come i bot, previa approvazione di OpenAI. Ciò significa che potrebbero esserci molti prodotti integrati con GPT-3 che potrebbero essere vulnerabili a una rapida introduzione.

Advertisements