Genesi dell'informatica ed evoluzione dell'uomo nel digitale.

Autore: Davide Floris

Data Pubblicazione: 18/04/2021

l termine informatica è stato creato nel 1962 da Philippe Dreyfus, partendo dalle parole “informazione” e “automatico”.


Il mondo è scivolato dall'era industriale all'epoca digitale.

Ma Roma non è stata costruita in un giorno… l’informatica come la conosciamo oggi ha richiesto diversi anni e l'operato di vari matematici, fisici e teorici.


L’uomo ha fabbricato degli strumenti e poi delle macchine, ossia degli oggetti in grado di utilizzare forze terze, in grado di eseguire in modo autonomo delle operazioni, anche complesse e programmate, come nel caso della prima programmazione binaria, del 1801.

Ma la macchina meccanica non è in grado di modificare se stessa.

Al contrario, il computer, macchina delle informazioni, sa modificare il suo programma e diventa una macchina universale. Questa consente di dominare l'intelligenza universale.


Jèrôme Chailloux disse:

“Il web è l'invenzione più utile per l'umanità dai tempi della peggiore invenzione, ossia la bomba atomica”.

Possiamo ben dire che lo scopo finale dell'informatica è dare sfogo al pensiero del calcolo per renderlo eseguibile da una macchina sorprendentemente rapida ed esatta, ma sprovvista di ogni pensiero.