Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Google AI scrive la nuova sceneggiatura di Stargate

Il processo di scrittura di uno spettacolo televisivo in genere coinvolge un grande numero di persone e di sceneggiatori e richiede molto tempo, per poter definire una trama e dei dialoghi che faranno funzionare uno spettacolo. 

Il classico di fantascienza Stargate, che comprendeva tre serie (SG-1, Stargate Atlantis e Stargate Universe), lo sviluppo del personaggio e della trama è stato diretto dal co-creatore di Stargate Brad Wright. 

Nel 2021, Wright ha pubblicato un messaggio su Twitter chiedendo se fosse possibile per l’IA scrivere un episodio di Stargate che sarebbe apparso sul sito di fantascienza The Companion.

Nientemeno che Laurence Moroney, AI lead di Google , ha risposto raccogliendo la sfida per provare a dimostrare cosa poteva fare l’IA.

Advertisements

“Quando l’intero progetto è iniziato, l’ho lanciato a The Companion un’idea: sapevo di aver visto un paio di modelli di intelligenza artificiale per le sceneggiature”

ha detto Wright a VentureBeat. 

“In un certo senso, è fantastico ed è molto poco minaccioso”.

Il processo per produrre lo script generato dall’IA di Stargate è stato più o meno lo stesso del modo in cui qualsiasi modello di intelligenza artificiale è stato costruito inizialmente: addestrandolo.

Moroney ha addestrato il modello di intelligenza artificiale con ogni sceneggiatura o episodio di Stargate scritto in precedenza, fornendo al sistema informazioni su ogni linea di dialogo e trama. 

Ha utilizzato una varietà di tecnologie, principalmente il framework di apprendimento automatico TensorFlow di Google .

Advertisements

Ha anche usato modelli di linguaggio naturale pre-addestrati, insieme a una tecnica nota dei “trasformatori”, ha detto Moroney.

“Da non confondere con i giocattoli Hasbro, la tecnica chiamata trasformatori è stata inventata principalmente per la traduzione linguistica”

ha detto Moroney. 

“Se pensi all’idea della traduzione linguistica, hai una frase di input che vuoi abbinare a una frase di output.”

Ad esempio, una frase di input potrebbe essere “Il capitano Samantha Carter dice qualcosa al generale Jack O’Neil”. 

La frase di output è derivata dall’addestramento del trasformatore su come Jack ha risposto in passato per inserire frasi simili a quella appena pronunciata da Samantha.

Advertisements

“Così potrei addestrare un trasformatore per prevedere cosa direbbe Jack a qualsiasi cosa”

ha detto Moroney.

L’altro approccio tecnologico di base utilizzato era qualcosa noto come codificatore di frasi universali, che fornisce un valore numerico per il contesto di una frase. 

Con tale approccio, Moroney ha affermato che era possibile codificare numericamente la semantica nelle frasi, al fine di comprendere le connessioni tra una frase e l’altra, andando avanti e indietro. 

Wright ha notato che, a suo avviso, la seconda versione dell’API Stargate era migliore della prima a causa del codificatore, dal momento che la sceneggiatura non è mai caduta in un nonsenso.

Advertisements

Sebbene ci siano vari strumenti per le operazioni di apprendimento automatico che Moroney avrebbe potuto utilizzare per una maggiore automazione, ha sottolineato che gran parte del processo per creare lo script Stargate era manuale. 

Ha fornito un prompt al modello TensorFlow addestrato, che avrebbe quindi fornito una risposta. Quelle risposte sono state quindi inserite nella sceneggiatura, che Moroney ha assemblato manualmente.

“Il modello non stava sputando una sceneggiatura con testo formattato correttamente”

ha detto Moroney. “Sono stati diversi modelli a generare i tag appropriati da inserire al momento opportuno.