IL 5G del futuro

Autore: Massimiliano Brolli

Data: 01/10/2020


Non tutti sanno che lo standard 5G, una volta in campo, non sarà al suo stato dell'arte, in quanto oggi strettamente dipendente dal 4G che ne assicura la gestione del piano di controllo.


Infatti il 5G si evolverà nel tempo fino a passare da una architettura Non Standalone (NSA), che utilizza la vecchia Core Network EPC, ad una architettura Standalone (SA).


Questa migrazione permetterà di offrire connettivià e livelli di performance garantiti ad applicazioni che ne avranno specifiche necessità (ad esempio un’auto a guida autonoma avrà necessità di una bassissima latenza, mentre una navigazione tramite browser no).


La nuova Core Network sarà virtuale e beneficierà della Network functions virtualization (NFV), ovvero permetterà che tutte le sue componenti non saranno attive su un hardware proprietario, ma saranno componenti virtuali capaci di girare all’interno di un normale hypervisor.


Questa nuova tecnologia introdurrà una flessibiità mai vista prima, oltre che il concetto di slicing di rete 5G, ovvero una architettura di rete modulare che consente il multiplexing di reti logiche virtualizzate indipendenti sulla stessa infrastruttura di rete fisica.


Ogni slice di rete sarà isolata e progettata per soddisfare i diversi requisiti richiesti da una particolare applicazione servizio o cliente.


Le nuove NSSF (Network Slice Selection Functions) consentiranno un migliore isolamento e separazione tra le slice, requisito fondamentale per alcuni segmenti di business.


48 visualizzazioni

Iscriviti al canale Youtube

unnamed.png

Red Hot Cyber: conosci il rischio per starne lontano

Per richieste di supporto scrivi a: redhotcyber@hotmail.com

  • YouTube Icona sociale
  • Facebook Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • LinkedIn Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Tumblr Icona sociale
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now