Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

il sito del governo di Israele, collassa sotto un attacco DDoS.

Un attacco informatico ha bloccato i siti web del governo israeliano per più di un’ora lunedì scorso. 

Secondo il Times of Israel, il ministro delle Comunicazioni Yoaz Hendel ha affermato che il “vasto attacco informatico” 

ha preso di mira i siti web del governo. 

Gli utenti non hanno potuto accedere ai siti con estensioni gov.il per circa un’ora prima che i siti tornassero lentamente online.

Advertisements

Il ministero delle Comunicazioni ha riportato quanto segue;

“Il ministero continuerà a monitorare la situazione fino al completo ripristino”.

Il gruppo di difesa dell’accesso a Internet NetBlocks ha twittato che 

“una significativa interruzione è stata registrata su più reti dai principali fornitori di Internet di Israele”

Advertisements

Con un grafico che mostra con precisione i momenti dell’interruzione.

Secondo il National Cyber ​​Directorate, i siti israeliani sono stati bloccati tramite un attacco DDoS, che ha inondato i siti Web di traffico rendendoli di fatto irraggiungibili. I funzionari israeliani non lo hanno confermato esplicitamente l’accaduto.

“Questo di solito viene fatto per inviare un messaggio e creare molto rumore. Non è necessariamente un’infiltrazione o un’acquisizione di informazioni”

ha affermato Gil Messing, portavoce della Check Point Software Technologies Ltd, con sede in Israele. 

Advertisements

Non è chiaro chi sia il responsabile dell’attacco informatico, ma alcuni hanno iniziato a pensare che fosse coinvolto l’Iran.

Secondo Yahoo, inoltre, non è chiaro se questo sia o meno il più grande attacco informatico contro Israele fino ad oggi, come ha detto ad Haaretz una fonte della difesa. Tuttavia, secondo quanto riferito, l’NCF e i funzionari della difesa hanno dichiarato lo stato di emergenza e stanno esaminando i possibili danni, incluso tutto ciò che potrebbe compromettere altri siti Web chiave e infrastrutture critiche.

L’attacco informatico è arrivato appena un giorno dopo che l’Iran ha lanciato missili contro la città irachena di Erbil in quello che probabilmente era un avvertimento per gli Stati Uniti e gli alleati. 

I missili sono caduti vicino a un nuovo edificio del consolato statunitense, ma nessun americano è rimasto ferito. Le autorità curde hanno affermato che solo un civile è rimasto ferito e nessuno è stato ucciso.

Advertisements