Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Impiegati infedeli: un tentativo di vendere i progetti di una nave nucleare è stato fermato dall’FBI

Un ingegnere nucleare della Marina e sua moglie sono stati condannati a più di 21 anni di prigione per aver tentato di vendere dei segreti di progettazione di navi da guerra nucleari a quello che credevano fosse un agente di potere straniero.

I due imputati, Jonathan e Diana Toebbe, tuttavia, hanno tentato di vendere informazioni riservate (come stampe, file multimediali digitali contenenti dettagli tecnici e manuali operativi) a un agente dell’FBI sotto copertura.

Jonathan Toebbe ha servito come ingegnere nucleare assegnato al programma di propulsione nucleare navale del Dipartimento della Marina, che gli ha dato accesso a dati secretati sui reattori nucleari navali, dato che aveva anche un nulla osta di sicurezza nazionale attivo attraverso il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

“L’ingegnere nucleare navale Jonathan Toebbe aveva accesso a dati critici della nostra nazione e, insieme a sua moglie Diana Toebbe, ha messo a rischio la sicurezza del nostro paese per un guadagno finanziario”

ha affermato mercoledì il procuratore degli Stati Uniti Cindy Chung.

“La loro grave condotta criminale ha tradito e messo in pericolo i membri leali e altruisti del Dipartimento della Marina. La gravità del reato non può essere sottovalutata”.

I Toebbes si sono dichiarati colpevoli a febbraio 2022 dopo essere stati arrestati dall’FBI e dal Naval Criminal Investigative Service (NCIS) il 9 ottobre 2021.

L’addetto dell’FBI nel paese non specificato ha informato l’FBI, che ha avviato i contatti con Jonathan Toebbe nel dicembre 2020 tramite ProtonMail ed era sotto copertura spacciandosi per un rappresentante di un paese sconosciuto, secondo i documenti del tribunale .

Nei seguenti scambi di e-mail tra aprile e giugno 2021, l’FBI ha convinto l’imputato a fornire ulteriori informazioni riservate della Marina degli Stati Uniti in un luogo “dead drop” nella contea di Jefferson, West Virginia, dopo aver accettato di pagarle in criptovaluta Monero.