Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Indice della libertà di stampa mondiale 2022 di RSF: una nuova era di polarizzazione

L’edizione 2022 del World Press Freedom Index, valuta lo stato del giornalismo in 180 paesi e territori, mette in evidenza gli effetti disastrosi delle notizie e del caos dell’informazione: gli effetti di uno spazio informativo online globalizzato e non regolamentato che incoraggia le fake news e la propaganda. 

All’interno delle società democratiche crescono le divisioni dovute alla diffusione dei media d’opinione secondo il “modello Fox News” e alla diffusione di circuiti di disinformazione amplificati dal funzionamento dei social media. 

A livello internazionale, le democrazie sono indebolite dall’asimmetria tra società aperte e regimi dispotici che controllano i loro media e piattaforme online mentre conducono guerre di propaganda contro le democrazie. 

La polarizzazione su questi due livelli sta alimentando una maggiore tensione.

Advertisements

L’invasione dell’Ucraina (106°) da parte della Russia (155°) alla fine di febbraio riflette questo processo, poiché il conflitto fisico è stato preceduto da una guerra di propaganda. 

La Cina (175°), uno dei regimi autocratici più repressivi al mondo, usa il suo arsenale legislativo per confinare la sua popolazione e isolarla dal resto del mondo, in particolare la popolazione di Hong Kong (148°), che è crollata nell’Indice. 

Cresce il confronto tra “blocchi”, come si vede tra l’India (150°) e il Pakistan (157°) del nazionalista Narendra Modi. La mancanza di libertà di stampa in Medio Oriente continua ad avere un impatto sul conflitto tra Israele (86°), Palestina (170°) e gli stati arabi.

La polarizzazione dei media sta alimentando e rafforzando le divisioni sociali interne nelle società democratiche come gli Stati Uniti (42°), nonostante l’elezione del presidente Joe Biden. L’aumento della tensione sociale e politica è alimentato dai social media e dai nuovi media di opinione, soprattutto in Francia (26). La soppressione dei media indipendenti sta contribuendo a una forte polarizzazione in “democrazie illiberali” come la Polonia (66°), dove le autorità hanno consolidato il loro controllo sulla radiodiffusione pubblica e la loro strategia di “ri-polonizzazione” dei media privati.

Advertisements

Il trio di paesi nordici in cima all’Indice – Norvegia, Danimarca e Svezia – continua a fungere da modello democratico in cui fiorisce la libertà di espressione, mentre Moldova (40°) e Bulgaria (91°) si distinguono quest’anno grazie a un cambio di governo e la speranza che ha portato a un miglioramento della situazione per i giornalisti anche se gli oligarchi continuano a possedere o controllare i media.

La situazione è classificata come “pessima” in un numero record di 28 paesi nell’Indice di quest’anno, mentre 12 paesi, tra cui Bielorussia (153°) e Russia (155°), sono sulla lista rossa dell’Indice (che indica “pessima” libertà di stampa ) sulla mappa.

I 10 peggiori paesi al mondo per la libertà di stampa includono Myanmar (176°), dove il colpo di stato del febbraio 2021 ha riportato la libertà di stampa indietro di 10 anni, così come Cina, Turkmenistan (177°), Iran (178°), Eritrea (179°) e Corea del Nord (180°). 

Il segretario generale di RSF Christophe Deloire ha dichiarato: 

Advertisements

“Margarita Simonyan, caporedattore di RT (l’ex Russia Today), ha rivelato cosa pensa veramente in una trasmissione televisiva di Russia One quando ha detto: ‘nessuna grande nazione può esistere senza il controllo sulle informazioni’. La creazione di armi mediatiche nei paesi autoritari elimina il diritto all’informazione dei cittadini, ma è anche collegata all’aumento delle tensioni internazionali, che possono portare al peggior tipo di guerre. A livello nazionale, la “Fox Newsization” dei media rappresenta un pericolo fatale per le democrazie perché mina le basi dell’armonia civile e del dibattito pubblico tollerante. Sono necessarie decisioni urgenti in risposta a questi problemi, promuovendo un New Deal per il giornalismo, come proposto dal Forum sull’informazione e la democrazia, e adottando un quadro giuridico adeguato, con un sistema per proteggere gli spazi di informazione democratici online”.

Nuovo modo di compilare l’Indice

Lavorando con un comitato di sette esperti del settore accademico e dei media, RSF ha sviluppato una nuova metodologia per compilare il 20° Indice mondiale della libertà di stampa .

La nuova metodologia definisce la libertà di stampa come

“l’effettiva possibilità per i giornalisti, come individui e come gruppi, di selezionare, produrre e diffondere notizie e informazioni nell’interesse pubblico, indipendentemente da ingerenze politiche, economiche, legali e sociali, e senza minacce alla loro sicurezza fisica e psichica”. 

Per riflettere la complessità della libertà di stampa, per compilare l’Indice vengono ora utilizzati cinque nuovi indicatori: il contesto politico, il quadro giuridico, il contesto economico, il contesto socioculturale e la sicurezza.

Nei 180 paesi e territori classificati da RSF, gli indicatori sono valutati sulla base di un’indagine quantitativa delle violazioni della libertà di stampa e abusi contro giornalisti e media, e uno studio qualitativo basato sulle risposte di centinaia di esperti di libertà di stampa selezionati da RSF (giornalisti , accademici e difensori dei diritti umani) a un questionario con 123 domande. Il questionario è stato aggiornato per tenere maggiormente conto delle nuove sfide, comprese quelle legate alla digitalizzazione dei media.

Advertisements

Alla luce di questa nuova metodologia, occorre prestare attenzione quando si confrontano le classifiche e i punteggi del 2022 con quelli del 2021. La raccolta dei dati per l’indice di quest’anno si è interrotta alla fine di gennaio 2022, ma sono stati effettuati aggiornamenti per i paesi da gennaio a marzo 2022 dove la situazione era cambiata radicalmente (Russia, Ucraina e Mali). 

Per quanto riguarda l’Italia, non siamo messi bene. Ci troviamo al 58simo posto in una scala da 1 a 180.

La libertà di stampa purtroppo nel mondo occidentale è in forte pericolo come l’impegno sui diritti umani. Spesso l’occidente parla di libertà di pensiero e di parola, ma solo quando le parole fanno comodo mentre quando sono scomode, per moltissimi motivi, vengono messe a tacere.

E non si parla solamente di grandi fughe di informazioni classificate come nel caso di WikiLeaks e dello scandalo del Datagate, ma anche di semplici incidenti informatici dove spesso, anche noi veniamo messi a tacere, con ripercussioni di altra natura e in altri luoghi.

Advertisements

Questo per dire cari lettori di RHC, che quando ci chiedete perché non abbiamo pubblicato nulla su uno specifico incidente informatico, potrebbe essere perché non è che non abbiamo voluto, ma perchè qualche pressione è arrivata dall’esterno e siamo stati impossibilitati a farlo… almeno per il momento.