La privacy non esiste sugli smartphone Android. Lo riporta una ricerca del Regno Unito.


Un team consolidato di ricercatori di diverse università del Regno Unito ha riscontrato molti problemi di privacy all'interno degli smartphone Android.



Gli esperti hanno testato i dispositivi realizzati da Samsung, Xiaomi, Realme e Huawei, nonché i sistemi operativi LineageOS e/e/OS (due noti fork di Android, progettati per fornire supporto a lungo termine agli utenti e consentire di abbandonare i servizi Google).


“Ad eccezione di iOS, anche con impostazioni minime e nel caso in cui il telefono sia inattivo, queste varianti personalizzate di Android trasmettono molte informazioni allo sviluppatore del sistema operativo, nonché a terze parti (Google, Microsoft, LinkedIn, Facebook, ecc.), le cui applicazioni sono preinstallate nel sistema"

affermano gli esperti.



Come puoi vedere nella tabella seguente, i dati sensibili dell'utente, inclusi identificatori persistenti, utilizzo delle app e telemetria e non sono condivisi solo con i produttori di dispositivi, ma anche con varie terze parti. Inoltre, quasi sempre Google è anche tra i destinatari di tutti i dati raccolti.

Gli esperti hanno anche notato che i dati crittografati di alcune applicazioni di sistema integrate, come miui.analytics (Xiaomi), Heytap (Realme) e Hicloud (Huawei), a volte possono essere decifrati, il che mette i loro utenti a rischio di attacchi MitM.

Altrettanto interessante è che quando un utente reimposta gli ID pubblicità per il proprio account Google su Android, il sistema di raccolta dati può comunque associare facilmente il nuovo ID allo stesso dispositivo e aggiungerlo alla stessa cronologia di tracciamento.



Gael Duval, il creatore di /e/OS, ha detto a BleepingComputer:

“Oggi, sempre più persone si stanno rendendo conto che il modello pubblicitario che alimenta il business dei sistemi operativi mobili si basa sulla raccolta di dati personali su scala industriale mai vista prima su scala globale. Ciò influisce negativamente su molti aspetti della nostra vita e può persino minacciare la democrazia, come è già successo. Credo che abbiamo bisogno più che mai di una regolamentazione della protezione dei dati personali. Tutto è iniziato con il GDPR, ma non è abbastanza e dobbiamo passare a un modello di privacy per impostazione predefinita anziché una privacy come opzione".


Gli esperti di Google hanno anche commentato la pubblicazione dei ricercatori. In sostanza, la società ha affermato che non vi è alcuna minaccia alla privacy e che tutti i gadget moderni funzionano in questo modo.

“Mentre apprezziamo il lavoro dei ricercatori, non siamo d'accordo sul fatto che questo comportamento dei dispositivi sia inaspettato: è così che funzionano gli smartphone oggi. Come spiegato nell'articolo del Centro assistenza di Google Play Services, in un ecosistema diversificato di dispositivi e software, questi dati sono necessari per i servizi di base del dispositivo, incluse le notifiche push e gli aggiornamenti software. Ad esempio, i servizi di Google Play utilizzano i dati di dispositivi Android certificati per supportare le loro funzionalità principali. La raccolta di informazioni di base limitate, come gli IMEI dei dispositivi, è essenziale per fornire in modo affidabile aggiornamenti critici a tutti i dispositivi e le applicazioni Android "

Ha affermato Google in una nota.