Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Lo Jiuzhang 2 è il computer quantistico più veloce del mondo.

Sembra che la rivalità sui computer quantistici stia crescendo tra Stati Uniti e Cina.

I fisici cinesi, affermano che hanno costruito due computer quantistici con prestazioni che i concorrenti degli Stati Uniti, non possono eguagliare, questo secondo la rivista peer-reviewed Physical Review Letters e Science Bulletin.

I computer quantistici cinesi commettono ancora molti errori rispetto ai supercomputer.

È chiamato Jiuzhang 2, ed è in grado di calcolare in un solo millisecondo un compito che un computer convenzionale più veloce del mondo impiegherebbe 30 trilioni di anni per farlo.

La svolta è stata rivelata durante un’intervista con il team di ricerca, trasmessa martedì dalla CCTV, televisione statale cinese, che potrebbe rendere sospetta la notizia.

Ma con due documenti sottoposti a revisione paritaria, è emerso che tale ricerca è importante prenderla sul serio.

Pan Jianwei, ricercatore capo, ha affermato che Zuchongzhi 2 (che è un computer quantistico superconduttore programmabile da 66 qubi, è 10 milioni di volte più veloce del Sycamore di Google da 55 qubit , rendendo la nuova macchina cinese la più veloce al mondo e il primo a battere Google in due anni.

Lo Zuchongzhi 2 è una versione migliorata di una macchina precedente, completata tre mesi fa. Il Jiuzhang 2. Si tratta di un computer quantistico che funziona con la luce, ha meno applicazioni ma può funzionare a una velocità accecante pari a 100 sestilioni di volte più veloce dei più grandi computer convenzionali di oggi.

Nel caso non avessi compreso la dimensione, si tratta di un uno con 23 zeri dietro. Ma mentre le caratteristiche di queste nuove macchine suggeriscono una rivoluzione informatica, non arriveranno presto sul mercato. Allo stato attuale, le due macchine possono funzionare solo in ambienti incontaminati e solo per attività iper-specifiche da laboratorio.

E anche con un’attenzione speciale, commettono ancora molti errori.

“Nella fase successiva speriamo di ottenere la correzione dell’errore quantistico con quattro o cinque anni di duro lavoro”

ha affermato il professor Pan dell’Università della scienza e della tecnologia della Cina, a Hefei, nella provincia sudorientale dell’Anhui.