Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

LogCrusher e OverLog: i due exploit per Windows che mandano il sistema in Denial of Service

I ricercatori di sicurezza informatica di Varonis hanno rivelato dettagli sulle vulnerabilità di Windows, una delle quali può portare a un denial of service (Denial of Service, DoS).

Gli exploit, denominati LogCrusher e OverLog dagli esperti, prendono di mira il protocollo remoto EventLog (MS-EVEN), che fornisce l’accesso remoto ai registri degli eventi.

Advertisements
  • LogCrusher consente a qualsiasi utente di dominio di causare da remoto un arresto anomalo del registro eventi dell’applicazione su qualsiasi macchina;
  • OverLog provoca un Denial of Service riempiendo lo spazio sul disco rigido di qualsiasi macchina Windows all’interno del dominio.

Il difetto di OverLog è stato assegnato CVE ID CVE-2022-37981 (punteggio CVSS: 4,3) ed è stato corretto da Microsoft come parte del Patch Tuesday di ottobre. LogCrusher invece, a sua volta, rimane irrisolto.

Lo sfruttamento di queste vulnerabilità potrebbe interrompere o ridurre le prestazioni, afferma Microsoft, ma un utente malintenzionato non può ottenere una completa negazione del servizio.

Advertisements

Secondo Varonis, i problemi derivano dal fatto che un criminale informatico può ottenere un handle per il registro non aggiornato di Internet Explorer per causare il fallimento del registro eventi sul computer della vittima e causare una condizione di “denial of service”.

Ciò si ottiene utilizzando la funzione “BackupEventLogW” per eseguire ripetutamente il backup dei registri arbitrari in una cartella scrivibile sull’host di destinazione finché il disco rigido non diventa pieno.

Da allora Microsoft ha corretto il difetto di OverLog limitando l’accesso al registro eventi di Internet Explorer agli amministratori locali, riducendo così il potenziale uso improprio.

“Sebbene la correzione si applichi a questo particolare insieme di exploit del registro eventi di Internet Explorer, altri utenti potrebbero utilizzare i registri eventi di altre applicazioni e realizzare attacchi simili”.

Affermano gli esperti.