Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Ora puoi guidare i droni con il pensiero. Domani potrai hackerare senza schiacciare un tasto?

Scienziati dell’Institute of Management Problems intitolato a BA Trapeznikova (IPU RAS) e Voronezh State University (VSU) hanno creato un dispositivo in grado di controllare i droni con l’aiuto del potere del pensiero, più precisamente, con l’aiuto di segnali elettrici del cervello.

Il dispositivo è costituito da un neuroauricolare che può essere montato su un casco, inoltre, non sono necessari cappucci o gel per rimuovere l’encefalogramma, il che rende possibile l’utilizzo del neurocasco anche in campo e in condizioni estreme.

Advertisements

“L’elettrodo a secco è montato in un casco o in un cappuccio. Esiste un’applicazione appositamente sviluppata per un dispositivo mobile che riceve segnali elettrici, li decritta, li interpreta in comandi per controllare un drone o qualsiasi altro dispositivo senza pilota. Possiamo anche vedere diversi stati mentali di chi indossa il casco”

Ha riportato il ricercatore senior presso IPU RAS Daniyar Volf.

Gli sviluppatori fanno notare che in questo modo è possibile controllare non solo un drone, ma anche un’auto, una barca, un aeroplano e persino un’astronave.

Advertisements

Inoltre, sarà possibile comandare un oggetto non solo con la forza del pensiero, ma anche con lo sguardo. Ad esempio, puoi chiudere tre volte gli occhi per inviare un drone ad atterrare. E affinché il drone voli in avanti, l’operatore deve dare un questo comando con molta attenzione . Con l’aiuto di un’applicazione mobile, è possibile regolare il livello del segnale trasmesso dall’operatore all’oggetto.

Secondo gli inventori, in futuro questa tecnologia potrebbe essere richiesta da militari, costruttori, geologi e persone con disabilità. Tuttavia, è molto più adatto per le interfacce di gioco.

Se i creatori dei caschi neurali possono raggiungere i loro obiettivi, allora la tecnologia può essere utilizzata per sviluppare altre interfacce neurali, ad esempio per controllare un computer a distanza.