Telegram: una nuova darknet, dove non esistono ne leggi e ne stati.

Autore: P@km4N

Data pubblicazione: 20/06/2021


Telegram è una delle app di chat più popolari al mondo e forse la più pericolosa. C'è poca regolamentazione della piattaforma, cosa che la rende popolare tra criminali e terroristi.


Chi è la mente dietro questa famosa App?


Pavel Durov

Abbiamo parlato spesso di Pavel Durov, ritratto mentre si accovaccia a torso nudo nella posizione del loto sul tetto di un hotel, con sullo sfondo lo skyline di Dubai.


La foto di Instagram, che sembra essere uno delle migliaia di altri selfie di influencer casuali, è uno dei rari segni di vita di uno degli imprenditori di Internet più ricchi e influenti del mondo. Alcuni chiamano il 36enne "Lo Zuckerberg della Russia" perché ha fondato il clone russo di Facebook VKontakte nel 2006.


Ma il suo ultimo investimento è molto più significativo: Telegram, probabilmente il servizio di messaggistica più pericoloso del mondo.


Poco si sa del miliardario russo, considerato la persona più ricca nella sua casa adottiva di Dubai. E quello che dice in pubblico spesso suona sconcertante. "Il mondo esterno è un riflesso di quello interno", ha scritto come didascalia sotto la sua foto su Instagram.


L'App Telegram

L'app di Durov è un player globale, essendo stata installata su 570 milioni di smartphone. Dall'inizio della pandemia di coronavirus, l'app è diventata ancora più popolare che mai e il servizio di messaggistica è considerato una delle poche piattaforme di comunicazione in grado di tenere il passo con i prodotti della Silicon Valley.


Milioni di utenti sono passati quest'anno da WhatsApp a Telegram, inclusi molti in Germania.


Ma Telegram non è solo un WhatsApp con radici diverse. Il servizio si presenta come una piattaforma al di fuori della portata di stati e autorità, un luogo in cui chiunque può scrivere e fare qualsiasi affermazione desideri.


Telegram e Privacy

Questo è il dilemma della privacy, da un lato si cerca di renderci tutti anonimi anche se con delle regole, dall'altro l'essere anonimi attrae e sviluppa il crimine, proprio perché l'anonimato rende le azioni non associabili ad una identità specifica.


Questo alimenta i teorici della cospirazione, come i movimenti tedeschi estremisti di destra. Non ci vuole molto a cercare per trovare una "lista nera" con i nomi dei membri del parlamento tedesco. I contraffattori usano l'app per spacciare tessere di vaccinazione COVID-19 false, i rivenditori la usano per vendere tutti i tipi di farmaci. I crimini sono pianificati e commessi apertamente e visibilmente su Telegram.


L'app sta diventando a tutti gli effetti un 'equivalente di una darknet in tasca.


Limite tra liberà di espressione e contenuti proibiti

Ogni piattaforma Internet deve affrontare la questione di dove tracciare il limite quando si tratta di libertà di espressione e contenuti proibiti.


Dopo le ultime elezioni statunitensi, Twitter ha deciso di bandire Donald Trump dal servizio a lungo termine e Facebook ha intensificato la repressione dell'incitamento all'odio.


Telegram di Durov, tuttavia, elimina solo sporadicamente i contenuti e non ha un controllo preciso dei gruppi e dei contenuti.



Le autorità sono impotenti, perché Durov nega loro l'accesso ai dati degli utenti. Ha creato una rete opaca di aziende che è difficile da penetrare e rende ancora più difficile l'accesso da parte dei governi. Il vecchio detto su Internet, ovvero che si tratta di un luogo senza legge si applica davvero a Telegram.


Durov ha società registrate nelle Isole Vergini e nel Belize. "Io stesso, non sono un grande fan dell'idea dei paesi", disse al New York Times molto tempo fa, era il 2014.