Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora

Una multa di 390 milioni di euro colpisce il modello di pubblicitario di Meta

Sta andando male per Meta. Ancora scossa da un calo delle entrate, licenziamenti di massa e un costoso passaggio al metaverso, il gigante della tecnologia deve ora affrontare un’altra minaccia esistenziale: il suo modello di business. 

Nelle decisioni riguardanti le sue piattaforme Facebook e Instagram, Meta non solo è alle prese con multe per un totale di quasi 400 milioni di euro, ma deve anche – rapidamente – trovare una nuova base legale per il suo vasto impero pubblicitario.

Secondo l’autorità di regolamentazione in Irlanda, Meta ha tre mesi per legalizzare il suo modello di targeting dei dati dopo che le autorità di regolamentazione dell’Unione Europea hanno scoperto che l’attuale base legale per la pubblicità utilizzata da Facebook e Instagram non è valida. 

Tutto questo mentre l’UE sta finalizzando un nuovo regolamento che stringe ulteriormente le viti sulla pubblicità su Internet.

Le decisioni derivano dai reclami presentati dall’attivista austriaco per la privacy Max Schrems alla vigilia del rigido codice sulla privacy dell’UE. Questi accusavano la società di non avere basi legali adeguate per elaborare milioni di dati di europei. 

Le multe di 210 milioni di euro e 180 milioni di euro rispettivamente per Facebook e Instagram potrebbero avere conseguenze importanti per Meta, soprattutto a lungo termine.

Molti giganti di Internet sono alle prese con il modo di mantenere fonti vitali di entrate pubblicitarie mirate senza entrare in conflitto con la legge. 

La piattaforma di condivisione video TikTok è entrata in acque calde l’anno scorso quando ha cercato di passare dall’affidarsi al consenso degli utenti alla base legale degli “interessi legittimi” per il targeting degli annunci. 

La domanda per molti sarà se Meta e altri debbano offrire agli utenti una chiara opzione per rifiutare la pubblicità personalizzata senza interrompere l’accesso ai loro servizi. 

Attivisti come Schrems hanno sostenuto che l’attuale configurazione su molte piattaforme costringe gli utenti ad accettare annunci per ottenere l’accesso ai servizi.

Un portavoce di Meta ha affermato che la società è rimasta “delusa” dalle decisioni, ma ha sottolineato che sono disponibili altre opzioni legali per elaborare i dati e che non ha previsto di dover fare affidamento sul consenso dell’utente.

“Siamo fortemente in disaccordo con la decisione finale del DPC e riteniamo di rispettare pienamente il GDPR facendo affidamento sulla necessità contrattuale per gli annunci comportamentali data la natura dei nostri servizi”, ha affermato il portavoce di Meta. 

Schrems ha accolto con favore la decisione e ha contestato l’affermazione di Meta secondo cui non è inevitabile che la società abbia bisogno del consenso per utilizzare i dati per gli annunci. 

“Questo è un duro colpo per i profitti di Meta nell’UE. Ora è necessario chiedere alle persone se desiderano che i loro dati vengano utilizzati per gli annunci o meno”

ha affermato. “Devono avere un’opzione ‘sì o no’ e possono cambiare idea in qualsiasi momento. La decisione garantisce anche condizioni di parità con altri inserzionisti che devono anche ottenere il consenso.

Oltre a mettere potenzialmente una bomba ai modelli di business dei giganti di Internet, i casi hanno rivelato profonde crepe tra le autorità europee per la protezione dei dati.