Red Hot Cyber
La cybersecurity è condivisione. Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed incentiva gli altri a fare meglio di te.
Cerca
200 Milioni di Utenti X/Twitter scaricabili Online per 8 crediti  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  2 giorni senza riscaldamento per colpa del malware FrostyGoop. E’ successo a Leopoli in Ucraina a Gennaio  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Hacktivisti a Sostegno delle Rivolte in Bangladesh: Escalation di Violenza e Cyber Attacchi  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Copybara, il malware che prende di mira il banking italiano  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  Microsoft rilascia un tool USB per risolvere il problema del BSOD di CrowdStrike su Windows 10 e 11  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  EvilVideo: L’Exploit Zero-Day Che Minaccia Telegram su Android  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Una Hot-fix malevola per CrowdStrike diffonde HijackLoader e RemCos  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Red Hot Cyber Completa con Successo il Secondo Corso di Darkweb & Cyber Threat Intelligence  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  L’interruzione di CrowdStrike ha colpito meno dell’1% dei dispositivi Windows. Attenzione Alle Frodi!  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Incidente CrowdStrike: Riflessioni sulla Security di oggi e di Domani. “Non importa se si viene spiati, importa da chi”  ///  
Crowdstrike

Vulnerabilità RCE vecchia di 5 anni sfruttata dagli Hacker Cinesi

Redazione RHC : 14 Giugno 2024 16:02

Akamai ha avvertito che due vulnerabilità RCE in ThinkPHP, che sono state corrette più di cinque anni fa, vengono attivamente sfruttate dai malintenzionati.

Le vulnerabilità scoperte alla fine del 2018 e all’inizio del 2019 (CVE-2018-20062 e CVE-2019-9082) colpiscono i CMS che utilizzano ancora versioni precedenti del popolare framework open source.

Pertanto, il problema CVE-2018-20062 in NoneCMS 1.3, che consente agli aggressori remoti di eseguire codice PHP arbitrario su ThinkPHP prima della versione 5.0.23, risolto nel dicembre 2018. Inoltre il CVE-2019-9082 era correlato all’esecuzione di comandi remoti in Open Source BMS 1.1.1, interessando le versioni ThinkPHP precedenti alla 3.2.4 ed è stato corretto a febbraio 2019.

Gli exploit PoC per questi bug sono disponibili pubblicamente da più di cinque anni e, poco dopo la loro pubblicazione, entrambe le vulnerabilità hanno iniziato a essere sfruttate dagli aggressori.

I ricercatori hanno notato due campagne dannose che sfruttavano questi bug, una delle quali è durata diversi giorni nell’ottobre 2023 e l’altra nell’aprile 2024. In entrambi i casi, gli hacker di lingua cinese hanno sfruttato questi bug per scaricare file da un server violato in Cina. Di solito si trattava di un file di testo public.txt, che in realtà era una web shell offuscata – roeter.php.

Il payload forniva agli aggressori il controllo remoto del server dopo una semplice autenticazione utilizzando la password “admin”.

Di conseguenza, la web shell Dama ha consentito agli aggressori di navigare nel file system della vittima, modificare file locali, raccogliere informazioni e rubare file. Si noti che Dama può utilizzare l’Utilità di pianificazione di Windows per modificare la configurazione di Strumentazione gestione Windows (WMI) per aggiungere utenti con privilegi elevati al sistema.

Interfaccia della webshell dama

Durante la fase post-sfruttamento, gli aggressori hanno eseguito scansioni delle porte di rete, hanno avuto accesso ai database esistenti e hanno aumentato i propri privilegi “aggirando la disabilitazione delle funzioni PHP per sfuggire alla sandbox PHP ed eseguire comandi shell sul server”, ha affermato Akamai.

Attualmente, la versione di ThinkPHP è la 8.0 e gli esperti scrivono che le organizzazioni devono aggiornarsi immediatamente, soprattutto perché gli aggressori continuano a prendere di mira le versioni senza patch.

“I recenti attacchi da parte di aggressori di lingua cinese evidenziano la tendenza in corso all’utilizzo di web shell complete progettate per ottenere un controllo avanzato sui sistemi delle vittime. È interessante notare che non tutti i client attaccati utilizzavano ThinkPHP, il che significa che gli aggressori possono attaccare indiscriminatamente un’ampia gamma di sistemi”, riassumono gli esperti.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.