Red Hot Cyber

La cybersecurity è condivisione.
Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed 
incentiva gli altri a fare meglio di te.

Cerca

5 anni. E’ il tempo che gli hacker cinesi di Volt Typhoon sono rimasti all’interno delle infrastrutture critiche statunitensi

Redazione RHC : 8 Febbraio 2024 19:17

Secondo un allarme congiunto emesso il 7 febbraio dalla Cybersecurity and Infrastructure Agency (CISA), dalla National Security Agency (NSA) e dal Federal Bureau of Investigation (FBI), il gruppo di hacker cinese Volt Typhoon, noto anche come Bronze Silhouette, Insidious Taurus, UNC3236, Vanguard Panda o Voltzite ha compromesso alcune delle reti infrastrutturali critiche del paese.

La cosa più inquietante, è che tale compromissione è durata per almeno cinque anni.

Gli aggressori hanno preso di mira i settori delle comunicazioni, dell’energia, dei trasporti, dell’approvvigionamento idrico e delle fognature negli Stati Uniti e sull’isola di Guam.

Le attività degli hacker governativi non erano coerenti con i tradizionali scopi di cyber intelligence e raccolta dati. Con un alto grado di sicurezza, possiamo dire che il Volt Typhoon stava preparando il terreno per un possibile sabotaggio.

Volt Typhoon: Attacchi Persistenti ed Avanzati e ben Finanziati

Una delle tattiche distintive di Volt Typhoon è l’uso di proxy per nascondere la loro vera posizione. Gli hacker stanno compromettendo router e firewall negli Stati Uniti e instradando attraverso di essi il traffico dannoso.

L’obiettivo principale del gruppo è quello di prendere piede per lungo tempo nelle reti hackerate. Nel corso di diversi anni hanno metodicamente ampliato le proprie posizioni, rubando periodicamente le credenziali di accesso ai conti correnti. Inoltre, gli hacker utilizzano attivamente le vulnerabilità per aumentare i privilegi e ottenere il pieno controllo sui domini.

Secondo un rapporto di CrowdStrike dell’anno scorso, gli hacker di Volt Typhoon conducono un’ampia ricognizione preliminare per studiare l’organizzazione presa di mira e il suo ambiente. Quindi adattano i loro strumenti e le loro tecniche all’infrastruttura specifica del bersaglio e dedicano risorse significative al mantenimento di una presenza nascosta.

Persistenza avanzata e tecniche Living off the Land

Vale la pena notare che il gruppo si concentra solo su una gamma ristretta di obiettivi, ma allo stesso tempo prepara ed effettua attentamente gli attacchi. Questo approccio metodico è confermato da numerosi casi in cui le stesse organizzazioni sono state ripetutamente hackerate per espandere l’accesso non autorizzato.

Oltre alle credenziali rubate, Volt Typhoon utilizza attivamente le tecniche Living off the Land (LotL) , senza lasciare tracce evidenti della sua presenza. Ciò li rende ancora più difficili da rilevare.

“Tali metodi consentono agli aggressori di agire di nascosto, mascherando la propria attività come comportamento legittimo di sistemi e reti. In tali condizioni, sono molto difficili da rilevare anche per le organizzazioni con un livello sviluppato di sicurezza informatica”, ha sottolineato il National Cyber ​​​​Security Centre del Regno Unito.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.