Logo Portale Red Hot Cyber

Red Hot Cyber

La cybersecurity è condivisione. Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed incentiva gli altri a fare meglio di te.
Cerca

AI e copyright: gli Stati Uniti iniziano a proteggere opere generate dalle AI, ma non senza un apporto umano

Redazione RHC : 18 Marzo 2023 08:43

l software di intelligenza artificiale (AI) in grado di generare automaticamente immagini o testo ha reso molto più facile per le persone creare contenuti. Lo U.S. Copyright Office ha recentemente ricevuto sempre più richieste di materiale creato utilizzando questi strumenti. Apparentemente, è giunto il momento di documentare quali materiali l’ufficio può registrare e quali no.

Pertanto, il 16 marzo, l’US Copyright Office (USCO) ha pubblicato un documento in cui si afferma che d’ora in poi l’ufficio può considerare protette da copyright le opere create dall’intelligenza artificiale. Tuttavia, non tutto è così semplice: una persona deve necessariamente dimostrare ai rappresentanti dell’ufficio di aver compiuto notevoli sforzi creativi per il risultato finale.

La legge statunitense afferma che la proprietà intellettuale può essere protetta da copyright solo se è il prodotto della creatività umana. Pertanto, le macchine e gli algoritmi dell’IA generativa non possono essere autori e i loro risultati non possono essere protetti da copyright. I tempi stanno cambiando, quindi l’FBI ha deciso di fare delle concessioni.

Secondo il documento di cui sopra, l’arte digitale come immagini, poesie, libri, ecc. creati con strumenti come DALL-E, Stable Diffusion, Midjourney e ChatGPT non possono essere protetti da copyright a meno che non siano stati creati esclusivamente dalla macchina su richiesta dell’utente. Lo ha annunciato Shira Perlmutter, direttrice di USCO.

“Quando la tecnologia AI riceve solo una richiesta da un essere umano e in risposta crea complesse opere scritte, visive o musicali, gli elementi tradizionali dell’autorialità sono determinati ed eseguiti dalla tecnologia AI, e non dal suo utente umano. Questi suggerimenti sono più simili alle istruzioni per un artista. Definiscono solo ciò che l’utente desidera visualizzare. Tuttavia, il modo in cui questo viene implementato dipende interamente dalla macchina”, ha scritto Perlmutter in un documento che delinea le regole aggiornate sul copyright.

L’USCO prenderà in considerazione i contenuti generati dall’intelligenza artificiale solo se l’autore umano ha fatto qualcosa di diverso dal semplice inserimento di una richiesta. 

Ad esempio, se l’immagine digitale generata viene poi modificata con Photoshop, è più probabile che venga accettata da USCO. Cioè, l’immagine grezza originale della rete neurale non può essere protetta da copyright, ma il prodotto finale creato dall’artista con il suo aiuto avrà successo.

“La decisione dell’ufficio dipenderà dalle circostanze. In particolare, come funziona lo strumento AI e in che modo specifico è stato utilizzato per creare il lavoro finale”, ha affermato l’USCO.

Perlmutter ha esortato le persone che chiedono all’ufficio di copyright qualsiasi materiale generato dall’intelligenza artificiale a seguire una semplice regola. È necessario indicare immediatamente come sono state utilizzate le tecnologie di intelligenza artificiale per creare contenuti. E anche per mostrare quali parti specifiche del lavoro sono state create da una persona.

Se le informazioni di cui sopra non vengono divulgate o se i richiedenti tentano di ingannare l’ufficio di presidenza, l’USCO revocherà il loro certificato di registrazione e tale lavoro non sarà protetto dalla legge sul copyright.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.