Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Anche i bambini vittime degli attacchi ransomware nelle scuole. I loro dati sono online.

Gli attacchi ransomware sono uno degli argomenti più scottanti di quest’anno a causa del loro impatto su infrastrutture critiche, ospedali e produttori di vario genere. Tuttavia, un recente rapporto di NBC News racconta una delle storie più strazianti sugli impatti degli attacchi informatici alle istituzioni educative che riguardano i bambini.

In particolare, descrive come gli attacchi alle scuole tradizionali potrebbero rendere disponibili le informazioni riservate degli studenti a chiunque sappia come trovarle o è disposto a pagare per averle.

Advertisements

NBC News ha esaminato i file rubati dagli hacker dalle scuole e pubblicati su siti nelle darknet e ha scoperto che sono pieni di dati personali dei bambini. Secondo l’analista della società di sicurezza informatica Emsisoft Brett Callow, nel 2021 i gruppi di estorsione hanno pubblicato dati rubati da più di 1.200 scuole pubbliche americane.

Alcune delle scuole colpite dalle fughe di notizie, contattate da NBC News, non erano a conoscenza del problema. Se fossero stati in grado di ripristinare i loro sistemi dopo gli attacchi ransomware, le informazioni dei bambini sarebbero finite nelle mani dei criminali informatici e i genitori non avrebbero potuto farci nulla.

Alcune informazioni sono personali, come le informazioni sulla salute o sulla situazione economica della famiglia. Altri tipi di dati sono i numeri di previdenza sociale e le date di nascita, ed inoltre tali dati sono costanti per tutta la vita di una persona e la loro divulgazione può avere conseguenze a lungo termine e influenzare il bambino durante la crescita.

Advertisements

Tuttavia, i truffatori possono agire immediatamente dopo la divulgazione delle informazioni rubate, senza aspettare che il bambino diventi adulto. Nel febbraio di quest’anno, pochi mesi dopo un attacco ransomware a una scuola pubblica a Toledo, Ohio, USA, i genitori hanno iniziato a notare che gli estranei stavano cercando di registrare una carta di credito e di chiedere un prestito auto a nome dei loro bambini.

Nel dicembre dello scorso anno, quando gli hacker hanno fatto irruzione nei sistemi del Weslaco School District (Texas, USA), l’amministrazione delle istituzioni educative ha immediatamente informato più di 48mila genitori e tutori. Il distretto scolastico ha seguito le istruzioni dell’FBI e non ha pagato gli estorsori, ma ha ripristinato i suoi dati da backup creati proprio per questi casi di emergenza. Tuttavia, in risposta al rifiuto di pagare, gli hacker hanno pubblicato i file rubati sul loro sito come viene fatto di consueto.

Advertisements

Uno dei file ancora disponibili sul sito è un foglio di calcolo Excel chiamato “Informazioni di base sugli studenti” e contiene dati di 16.000 studenti, praticamente tutti gli studenti di venti scuole di Weslaco. Le tabelle includono i nomi e cognomi completi dei bambini, le date di nascita, le informazioni su razza e sesso e se sono immigrati o senzatetto, in una situazione di vita difficile o possono essere dislessici.

L’assicurazione contro i rischi informatici ha coperto i servizi di monitoraggio dei prestiti per i dipendenti delle scuole colpite, ma nove mesi dopo l’incidente, gli avvocati stanno ancora decidendo se c’è un modo per proteggere i bambini dalle potenziali conseguenze della perdita.

Advertisements

Il problema è anche aggravato dal fatto che i dipendenti delle istituzioni educative spesso non sanno quali informazioni sono archiviate sui loro computer, quindi non è possibile determinare a quali dati gli hacker sono riusciti ad accedere.