Red Hot Cyber
La cybersecurity è condivisione. Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed incentiva gli altri a fare meglio di te.
Cerca
Hacktivisti a Sostegno delle Rivolte in Bangladesh: Escalation di Violenza e Cyber Attacchi  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Copybara, il malware che prende di mira il banking italiano  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Microsoft rilascia un tool USB per risolvere il problema del BSOD di CrowdStrike su Windows 10 e 11  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  EvilVideo: L’Exploit Zero-Day Che Minaccia Telegram su Android  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  Una Hot-fix malevola per CrowdStrike diffonde HijackLoader e RemCos  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Red Hot Cyber Completa con Successo il Secondo Corso di Darkweb & Cyber Threat Intelligence  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  L’interruzione di CrowdStrike ha colpito meno dell’1% dei dispositivi Windows. Attenzione Alle Frodi!  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Incidente CrowdStrike: Riflessioni sulla Security di oggi e di Domani. “Non importa se si viene spiati, importa da chi”  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  Diverse aziende salvate dal BSOD di CrowdStrike con Windows 3.1. Ma l’Obsolescenza è un bene?  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Microsoft Windows vittima inconsapevole della Supply-Chain. Cosa l’incidente di CrowdStrike ci deve insegnare  ///  
Crowdstrike
Crowdstrike

Attacco Informatico all’ASST Rhodense: Cicada3301 pubblica 1 TB di Dati Sensibili liberamente scaricabili

Pietro Melillo : 20 Giugno 2024 10:13

Milano, 7 Giugno 2024 – L’ASST Rhodense è stata vittima di un grave attacco informatico da parte del gruppo ransomware Cicada3301, che ha causato il furto di un’enorme quantità di dati sensibili. Questo evento ha avuto un impatto devastante su tutte le strutture dell’ASST, comprese quelle di Garbagnate Milanese, Bollate, Rho e Passirana, nonché sui servizi territoriali nelle aree distrettuali di Garbagnatese, Rhodense e Corsichese.

Secondo le notizie riportate sul sito della Regione Lombardia, l’attacco è avvenuto nella notte di giovedì 6 giugno. Gli hacker sono riusciti a esfiltrare 1 TB di dati, tra cui informazioni di identificazione personale (PII), dati personali, documenti medici, prescrizioni e altri documenti sensibili. Questo furto massiccio di dati è stato successivamente pubblicato integralmente sul sito di leak del gruppo criminale.

Il furto di dati sensibili rappresenta una seria minaccia per la privacy e la sicurezza dei pazienti e del personale dell’ASST Rhodense. Le autorità stanno lavorando incessantemente per valutare l’entità del danno e per mettere in atto le misure necessarie a contenere e risolvere la situazione. Nel frattempo, l’ASST sta collaborando con esperti di sicurezza informatica per rafforzare le proprie difese e prevenire futuri attacchi.

L’ASST Rhodense ha immediatamente informato le autorità competenti e sta collaborando con le forze dell’ordine per identificare i responsabili dell’attacco. Inoltre, è stata attivata una linea di assistenza per i pazienti e il personale colpiti dal furto di dati, al fine di fornire supporto e informazioni utili per proteggere ulteriormente la loro privacy.

La rivendicazione da parte del gruppo Cicada3301

Cicada3301 è un nuovo gruppo Ransomware annunciando sul proprio DLS 4 vittime:

Questo attacco mette in luce ancora una volta l’importanza della sicurezza informatica nelle istituzioni sanitarie, un settore particolarmente vulnerabile a causa della natura sensibile dei dati trattati. È essenziale che tutte le organizzazioni sanitarie rafforzino le proprie misure di sicurezza per proteggere le informazioni dei pazienti da minacce sempre più sofisticate.

Link per il download del Tera Byte esfiltrato dalle infrastrutture IT da parte di Cicada3301 

La Regione Lombardia ha espresso la propria solidarietà all’ASST Rhodense e ha promesso di fornire tutto il supporto necessario per superare questa crisi. I cittadini sono invitati a rimanere vigili e a segnalare qualsiasi attività sospetta che possa essere collegata a questo grave incidente di sicurezza.

Elenco delle directory in possesso di Cicada3301 

Come nostra consuetudine, lasciamo sempre spazio ad una dichiarazione da parte dell’azienda qualora voglia darci degli aggiornamenti sulla vicenda. Saremo lieti di pubblicare tali informazioni con uno specifico articolo dando risalto alla questione.

RHC monitorerà l’evoluzione della vicenda in modo da pubblicare ulteriori news sul blog, qualora ci fossero novità sostanziali. Qualora ci siano persone informate sui fatti che volessero fornire informazioni in modo anonimo possono utilizzare la mail crittografata del whistleblower.

Pietro Melillo
Membro e Riferimento del gruppo di Red Hot Cyber Dark Lab, è un ingegnere Informatico specializzato in Cyber Security con una profonda passione per l’Hacking e la tecnologia, attualmente CISO di WURTH Italia, è stato responsabile dei servizi di Cyber Threat Intelligence & Dark Web analysis in IBM, svolge attività di ricerca e docenza su tematiche di Cyber Threat Intelligence presso l’Università del Sannio, come Ph.D, autore di paper scientifici e sviluppo di strumenti a supporto delle attività di cybersecurity. Dirige il Team di CTI "RHC DarkLab"