Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
Chat GPT
Chat GPT

Chat GPT vietata nei documenti presentati alla Conferenza internazionale sull’apprendimento automatico (ICML)

La tecnologia che non si conosce mette paura e dopo l’isterismo iniziale sull’utilizzo di Chat GPT, molti iniziano a prendere le distanze.

Anche da chi si occupa proprio di AI.

I leader della Conferenza internazionale sull’apprendimento automatico (ICML) hanno vietato agli scienziati di presentare documenti creati con modelli di linguaggio di grandi dimensioni (LLM) come ChatGPT.

I documenti contenenti testo generato sono vietati a meno che il testo generato non faccia parte di un’analisi sperimentale dell’articolo. 

Tuttavia, gli studiosi possono utilizzare l’intelligenza artificiale per correggere il loro testo per migliorarne lo stile o la grammatica. 

Per proteggersi dal plagio, gli accademici dell’ICML hanno vietato l’accettazione di articoli creati con l’aiuto dell’IA. 

Vale la pena notare che queste regole non sono fissate legalmente, quindi potrebbero cambiare in futuro.

Se gli scienziati decidono di attenersi o meno alle regole dipende da loro. Al momento, non esistono strumenti in grado di rilevare efficacemente il testo generato, quindi ICML si affiderà solo alle persone che segnalano documenti sospetti durante il processo di verifica. 

Il testo generato contiene spesso errori fattuali e gli autori dovranno modificare pesantemente il testo AI per non destare sospetti.

I modelli linguistici come ChatGPT vengono addestrati sul testo dal web. 

Imparano a trovare schemi comuni tra le parole al fine di prevedere cosa scrivere dopo, data un’istruzione testuale o un indizio. 

La domanda è: questi sistemi plagiano gli autori o no? 

Al momento non ci sono prove che ChatGPT copi direttamente il testo dell’articolo di qualcun altro, ma i suoi risultati si basano sulla scrittura delle persone. Se si limita a copiare il testo, la lettera automatica è protetta da copyright?

In precedenza, il Dipartimento dell’Istruzione della città di New York aveva vietato l’utilizzo del chatbot ChatGPT sui dispositivi di proprietà del Dipartimento dell’Istruzione.