Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

La Cina accusata di attacchi informatici all’Ucraina prima dell’invasione russa

La Cina ha lanciato attacchi informatici contro obiettivi militari e nucleari ucraini poco prima dell’invasione russa, secondo un rapporto.

Il governo del Regno Unito ha confermato che il National Cyber ​​Security Center stava indagando sulle accuse, secondo le quali più di 600 siti web, incluso il ministero della Difesa ucraino, sono stati oggetto di migliaia di tentativi di hacking coordinati dal governo cinese.

Un portavoce del governo del Regno Unito ha dichiarato:

“Il National Cyber ​​Security Center sta indagando su queste accuse con i nostri partner internazionali”.

Le affermazioni si basano su note di intelligence ottenute dal Times. Tuttavia, venerdì sera il servizio di sicurezza ucraino ha negato di aver fornito informazioni sui presunti attacchi.

Advertisements

Ha aggiunto:

“La SBU non ha nulla a che fare con i risultati del Times. Il servizio di sicurezza dell’Ucraina non dispone attualmente di tali dati e non sono in corso indagini”.

Jamie MacColl, ricercatore presso il Royal United Services Institute for Defense and Security Studies, ha affermato che i tentativi segnalati sembravano adattarsi a una tattica cinese di scansione delle vulnerabilità nell’infrastruttura IT, come firewall e reti private virtuali.

“Questo suona relativamente di routine per me, se è vero. Alcuni gruppi cinesi sono stati incaricati di raccogliere informazioni sul conflitto in Ucraina. Le agenzie di sicurezza raccolgono informazioni per informare la politica. Ed è quello che sembra essere successo in questo caso”.

Il Times ha affermato che una serie di informazioni provenienti dall’intelligence, che si pensa fossero preparati da un altro paese, dettagliavano la portata dell’hacking e includevano obiettivi nucleari, che avrebbero raggiunto il picco il 23 febbraio, il giorno prima dell’invasione russa.

Il 18 marzo il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha avvertito il suo omologo cinese, Xi Jinping, delle “conseguenze” se la Cina avesse fornito supporto materiale alla Russia durante l’invasione.

Advertisements

Xi e Vladimir Putin si sono incontrati a Pechino all’inizio delle Olimpiadi invernali di febbraio e hanno rilasciato una dichiarazione congiunta affermando che i legami tra i due paesi “non avevano limiti”. Xi e Putin hanno anche chiarito nella dichiarazione di essere contrari a qualsiasi ulteriore espansione della Nato.

Ciaran Martin, professore presso la Blavatnik School of Government dell’Università di Oxford ed ex capo dell’NCSC, ha dichiarato:

“Dovremmo essere molto cauti su questo. In primo luogo, c’è un’importante differenza tra spionaggio digitale e attacco dirompente e sulla base delle informazioni pubblicamente disponibili. In secondo luogo, non c’è nulla nelle prove pubblicamente disponibili che implichi una collusione tra Cina e Russia. A questo si aggiunge ora, ovviamente, la smentita ufficiale del servizio di sicurezza ucraino. Servono più fatti, ma per ora non dobbiamo saltare a conclusioni affrettate”.