Drone militare autonomo in azione in Libia. L'era dei killer-drone è arrivata.


Un drone militare equipaggiato con armi letali, ha dato la caccia ad obiettivi umani senza l'autorizzazione dei suoi gestori durante un conflitto in Libia lo scorso anno, secondo un rapporto delle Nazioni Unite, trattato per la prima volta da New Scientist questa settimana.


Non è chiaro se ci siano state vittime, ma se confermato, sarebbe probabilmente la prima morte registrata effettuata da un killer autonomo.


Nel marzo 2020, un altro drone militare da attacco chiamato Kargu-2, ha preso di mira dei soldati e convogli in ritirata guidati da Khalifa Haftar dell'esercito nazionale libico durante un conflitto civile con le forze governative libiche.


"I sistemi letali autonomi erano programmati per attaccare obiettivi senza ricevere istruzioni dagli operatori a distanza. In effetti, una vera capacità di 'spara, trova e dimentica'", ha scritto nel rapporto il gruppo di esperti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla Libia.



Non è confermato se nell'attacco siano stati uccisi dei soldati, anche se gli esperti delle Nazioni Unite lo sospettano. Il drone, che può essere diretto per autodistruggersi nell'impatto, è stato "altamente efficace" durante il conflitto in questione, se utilizzato in combinazione con veicoli aerei da combattimento senza equipaggio.


La battaglia ha provocato "perdite significative", ha continuato, osservando che le forze di Haftar non avevano praticamente alcuna difesa contro attacchi aerei remoti.


Il Kargu-2 è un drone militare che utilizza algoritmi di apprendimento automatico e elaborazione di immagini in tempo reale per tracciare e abbattere autonomamente i bersagli. Secondo il produttore di armi turco STM, è specificamente progettato per la guerra asimmetrica e le operazioni antiterrorismo e ha due modalità operative, autonoma e manuale.


Diversi possono anche essere collegati tra loro per creare uno sciame di droni kamikaze.