Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora

Edward Snowden avverte: la privacy è potere, non indeboliamo la cifratura.

Ne avevamo parlato con diversi articoli sul tema “Chat Control”, che la UE vuole che tutte le chat, i messaggi e le e-mail private vengano analizzate in modo automatico dalle AI per rilevare contenuti sospetti, in modo generale e indiscriminato con l’obiettivo “dichiarato” di perseguire la pedo-pornografia.

Senza farlo apposta, Edward Snowden durante la “Giornata globale della crittografia” ha parlato di come tutti i sistemi di crittografia che permettono ai governi l’accesso ai messaggi personali sarebbero un “errore colossale” con conseguenze disastrose in quanto:

“La privacy è potere”

Così ha detto Snowden, parlando dalla Russia tramite collegamento video durante la conferenza stampa giovedì.

Questa dichiarazione arriva quando i governi di tutto il mondo fanno pressione sui giganti della tecnologia come Facebook e Apple per concedere alle autorità l’accesso ai messaggi crittografati. Diversi paesi chiedono le cosiddette “backdoor” che consentirebbero loro di aggirare la crittografia.

Gli Stati Uniti, l’Unione Europea, l’Australia, la Russia e la Cina sono tra le giurisdizioni che

“cercano di sviluppare mezzi e metodi per richiedere sistemi di crittografia deboli”

ha affermato Snowden.

Le aziende tecnologiche sostengono che la crittografia end-to-end, che codifica i messaggi durante la consegna in modo che possano essere visualizzati solo dal destinatario previsto, sono mezzi importanti ed è importante garantire la privacy degli utenti.

Ma i governi sono preoccupati per la tecnologia che impedisce alle forze dell’ordine di indagare su crimini gravi come il terrorismo e gli abusi sessuali su minori.

L’uso della crittografia end-to-end è stato a lungo un punto di contesa tra i governi e le grandi aziende tecnologiche. Apple, ad esempio, si è spesso scontrata con le autorità statunitensi per la crittografia e la privacy dei dati.

La privacy

“doveva essere il potere degli individui. Doveva proteggerci, proteggerci dai colossi istituzionali che marciavano nelle città dei nostri giorni, che si tratti dei tempi moderni o dei tempi precedenti”.

e ha aggiunto:

“Era uno strato isolante che ha permesso ad alcuni di noi che esercitano pochissimo potere nella società, di pensare, agire e associarsi liberamente”.

L’ex consulente dell’intelligence nel 2013 ha fatto trapelare documenti riservati ai giornalisti che descrivevano i programmi di sorveglianza gestiti dalla NSA per intercettare i telefoni cellulari e le comunicazioni Internet delle persone nel famoso scandalo del DataGate. Per alcuni, è visto come un eroe; per altri, un traditore del suo paese.

Facebook “non si preoccupa”. Ha detto richiamando Facebook e altri giganti della tecnologia, dichiarando:

“Le stesse aziende che hanno lavorato così duramente per diffondere la crittografia nel corso degli anni stanno iniziando a temere il prossimo passo. Gruppi come Facebook vogliono avere quante più informazioni possibili… Non hanno una mentalità sociale, a loro non importa. Si preoccupano dei loro interessi.”

L’anno scorso, gli Stati Uniti e i suoi alleati “Five Eyes” – Regno Unito, Canada, Australia e Nuova Zelanda – hanno rilasciato una dichiarazione che invitava le aziende tecnologiche a sviluppare una soluzione che consenta alle forze dell’ordine di accedere a messaggi strettamente crittografati.

Nel frattempo, l’Unione europea sta spingendo l’industria tecnologica a cercare modi per fornire alle forze dell’ordine l’ accesso alle prove digitali “senza vietare o indebolire la crittografia”.