Red Hot Cyber

La cybersecurity è condivisione.
Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed 
incentiva gli altri a fare meglio di te.

Cerca
Crowdstrike

Few-Shot Learning: Addestramento di una IA con pochi dati

Simone Raponi : 19 Agosto 2023 22:22

Nell’era digitale, siamo abituati all’idea che le macchine necessitino di enormi quantità di dati per “imparare”. Ma cosa succederebbe se potessimo addestrare i computer con solo pochi dati, in modo simile a come un bambino apprende velocemente da pochi esempi? Ecco dove il few-shot learning entra in gioco.

Cos’è il Few-Shot Learning?

Il few-shot learning fa parte di una famiglia di tecniche di machine learning che mirano a insegnare ai modelli come svolgere compiti specifici fornendo pochissimi esempi. Mentre i metodi tradizionali potrebbero richiedere migliaia o milioni di esempi per addestrare un modello, il few-shot learning cerca di raggiungere lo stesso livello di precisione con solo una manciata.

Esempio grafico di Few-Shot Learning

Il Contesto: dal Deep Learning al Few-Shot Learning

Il Deep Learning ha rivoluzionato il campo dell’intelligenza artificiale. Questi modelli, noti come deep neural networks, hanno dimostrato una notevole capacità nel riconoscere pattern complessi dai dati. Tuttavia, la mole di dati di cui necessitano per svolgere un efficace addestramento spesso ostacola il loro potenziale utilizzo.

Il few-shot learning, invece, si basa su modelli pre-addestrati, che hanno già “visto” grandi quantità di dati. Questo pre-addestramento permette ai modelli di avere una sorta di “intuizione” che può essere affinata ulteriormente con pochi dati specifici del compito.

Esempi pratici

  • Diagnosi Medica: In un ospedale, potremmo non avere migliaia di scansioni di una rara condizione medica. Ma con il few-shot learning, potremmo addestrare un sistema a riconoscere tale condizione con solo poche immagini.
  • Riconoscimento di nuovi oggetti: Se hai un robot domestico addestrato per riconoscere e interagire con vari oggetti, potresti volerlo addestrare rapidamente a riconoscere un nuovo giocattolo che hai appena comprato per tuo figlio. Con il few-shot learning, mostrando al robot solo poche immagini del giocattolo potrebbe essere sufficiente.

Come funziona il Few-Shot Learning

L’approccio del few-shot learning è stato paragonato al modo in cui gli esseri umani apprendono nuovi concetti basandosi sulla loro conoscenza esistente. Questo processo può essere spezzato in fasi dettagliate:

  • Pre-addestramento. Prima di qualsiasi cosa, i modelli di few-shot learning vengono esposti a grandi set di dati, consentendo loro di acquisire una conoscenza generale del mondo, molto simile a come un bambino apprende concetti base. Ad esempio, prima di riconoscere un tipo specifico di mammifero, un modello deve avere una comprensione base di cosa sia un mammifero.
  • Estrazione di features. Una volta forniti i dati, il modello inizia il processo di estrazione delle features. In questa fase, il modello impara a distinguere e a riconoscere le peculiarità distintive di ciascun dato, ad esempio le forme, i colori o i pattern. Queste caratteristiche diventano poi cruciali quando si introducono nuovi dati con pochi esempi.
  • Fine-tuning. Con una solida base di conoscenza generale e un set di caratteristiche estratte, il modello viene poi addestrato con pochi esempi specifici del compito in questione. Ad esempio, se il compito è riconoscere un tipo raro di uccello, il modello potrebbe ricevere solo tre o quattro immagini di quell’uccello. In questa fase, il modello affina la sua capacità di riconoscimento basandosi sulle caratteristiche precedentemente estratte.
  • Test. Dopo il fine-tuning, il modello viene messo alla prova. Viene esposto a nuovi dati, che non ha mai visto prima, per vedere quanto efficacemente ha appreso dal fine-tuning.

Tecniche di Few-Shot Learning

Dato l’obiettivo comune di apprendere da pochi dati, gli scienziati hanno sviluppato diverse tecniche per il few-shot learning, ognuna con i suoi vantaggi:

  • Reti siamesi. Queste reti prendono il nome dal fatto che sono composte da due reti gemelle. Ogni rete esamina un’immagine e produce una rappresentazione vettoriale. La distanza tra questi vettori determina la somiglianza delle immagini. Se la distanza è piccola, le immagini sono considerate simili. È un metodo efficace per problemi come il riconoscimento facciale.
  • Reti prototipiche. Queste reti funzionano calcolando un “prototipo” per ogni categoria dai pochi esempi forniti. Questo prototipo rappresenta un punto medio nello “spazio delle caratteristiche” del modello. I nuovi dati vengono quindi confrontati con questi prototipi. La classe di prototipo più vicina al nuovo dato determina la sua etichetta.
  • Apprendimento per trasferimento (Transfer Learning). Piuttosto che partire da zero, questa tecnica utilizza modelli già addestrati su compiti simili come punto di partenza. Ad esempio, un modello addestrato per riconoscere automobili potrebbe essere adattato per riconoscere specifici modelli di auto con pochi esempi. L’idea chiave qui è che la conoscenza acquisita in compiti correlati può essere “trasferita” e adattata a nuovi compiti.
  • Reti di Memoria. Queste reti sono progettate per mantenere una sorta di “memoria” dei dati di addestramento. Ciò permette loro di fare riferimento a informazioni passate quando si valutano nuovi dati, rendendole particolarmente adatte al few-shot learning.

Queste tecniche rappresentano solo la punta dell’iceberg in termini di approcci al few-shot learning. La ricerca in questo campo è in rapida evoluzione, e nuovi metodi emergono regolarmente.

Conclusioni

Il few-shot learning è emerso come uno dei pilastri più promettenti e rivoluzionari dell’apprendimento automatico. Tradizionalmente, l’addestramento di modelli di machine learning efficaci richiedeva enormi set di dati, ma questo paradigma sfida tale norma, proponendo una capacità di apprendimento da pochi esempi. Questo non solo avvicina il modo in cui le macchine apprendono all’efficienza dell’apprendimento umano, ma potrebbe anche segnare l’inizio di una nuova era nell’ambito dell’intelligenza artificiale.

L’importanza del few-shot learning non è limitata alle sue implicazioni teoriche. Potrebbe avere un impatto profondo sul modo in cui sviluppiamo e implementiamo soluzioni basate sull’IA. Immaginiamo aziende e ricercatori che, privi di accesso a vaste risorse dati, potrebbero comunque sfruttare la potenza dell’IA per affrontare problemi complessi. Questo apre le porte a nuove innovazioni in settori come la medicina, dove malattie rare potrebbero essere identificate attraverso l’analisi delle immagini, o nella linguistica, con la traduzione di lingue minoritarie.

Tuttavia, come con qualsiasi progresso tecnologico, il few-shot learning porta con sé una serie di sfide. L’enfasi sulla qualità degli esempi forniti non può essere sottovalutata. Quando un modello dipende in modo così marcato da pochi esempi per formare la sua comprensione, la precisione e l’assenza di pregiudizi in questi esempi diventano di vitale importanza. Oltre a ciò, c’è il delicato atto di equilibrare la generalizzazione con il rischio di overfitting, un dilemma che persiste come una sfida centrale nell’apprendimento automatico.

Infine, pur essendo un campo emergente, il few-shot learning è in uno stato di rapida evoluzione. La ricerca è incessante, e nuove tecniche e approcci continuano a emergere, ognuno con la promessa di migliorare ulteriormente le capacità dei modelli. Ciò che resta evidente è che il few-shot learning ha catturato l’immaginazione della comunità scientifica e promette di ridefinire le nostre aspettative su ciò che l’intelligenza artificiale può realizzare nell’era moderna.

Risorse e Approfondimenti

Se sei interessato ad approfondire l’argomento del Few-Shot Learning, qui ci sono alcune risorse utili che ti consiglio di esplorare.

Simone Raponi
Esperto in machine learning e sicurezza informatica. Ha un dottorato in Computer Science and Engineering, durante il quale ha sviluppato modelli di intelligenza artificiale per rilevare pattern correlati alla cybersecurity. Durante la sua carriera accademica ha ricevuto diversi riconoscimenti ed ha pubblicato numerosi articoli scientifici divenuti popolari nell'ambito. Ex Machine Learning Scientist alla NATO, attualmente lavora come AI/ML Cybersecurity Engineer per una startup, dove impiega quotidianamente algoritmi di AI per affrontare e risolvere complesse sfide nel campo dell'automazione della sicurezza informatica.