Gli hacker cinesi hanno saccheggiato l'industria dei semiconduttori di Taiwan.





Taiwan ha affrontato un conflitto esistenziale con la Cina per tutta la sua esistenza ed è stata presa di mira da anni dagli hacker sponsorizzati dallo stato cinese.


Ma un'indagine di una società di sicurezza taiwanese ha rivelato quanto in profondità un singolo gruppo di hacker cinesi sia riuscito a penetrare in un settore al centro dell'economia taiwanese, saccheggiando praticamente l'intera industria dei semiconduttori.


Alla conferenza di sicurezza Black Hat, i ricercatori della società di sicurezza informatica di Taiwan CyCraft hanno presentato nuovi dettagli di una campagna di hacking che ha compromesso almeno sette aziende di chip taiwanesi negli ultimi due anni.


La serie di intrusioni profonde, chiamate Operazione "Skeleton Key" a causa dell'uso da parte degli aggressori di una tecnica di "iniettore a chiave scheletrica", sembravano mirate a rubare quanta più proprietà intellettuale possibile, inclusi codice sorgente, kit di sviluppo software e progetti di chip.


E mentre CyCraft ha già dato a questo gruppo di hacker il nome Chimera, le nuove scoperte dell'azienda includono prove che li legano alla Cina continentale e li collegano vagamente al famigerato gruppo di hacker sponsorizzato dallo stato cinese Winnti, a volte noto anche come Barium o Axiom.


"Si tratta di un attacco national state che cerca di manipolare la posizione e il potere di Taiwan", afferma Chad Duffy, uno dei ricercatori di CyCraft che ha lavorato alla lunga indagine della società.


Il tipo di furto all'ingrosso di proprietà intellettuale che CyCraft ha osservato "danneggia fondamentalmente l'intera capacità di un'azienda di fare affari", aggiunge Chung-Kuan Chen, un altro ricercatore CyCraft che presenterà la ricerca dell'azienda al Black Hat. "È un attacco strategico all'intero settore".


I ricercatori di CyCraft hanno rifiutato di dire a WIRED i nomi delle aziende vittime. Alcuni erano clienti CyCraft, mentre l'azienda ha analizzato altre intrusioni in collaborazione con un gruppo investigativo noto come Forum of Incident Response and Security Teams.


Molte delle vittime erano aziende che producevano semiconduttori che avevano sede presso l'Hsinchu Industrial Park, un hub tecnologico nella città di Hsinchu, nel nord-ovest di Taiwan.


#redhotcyber #cybersecurity #technology #hacking #hacker #infosec #infosecurity


https://www.wired.com/story/chinese-hackers-taiwan-semiconductor-industry-skeleton-key/