Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Gli stati sono indecisi sulle armi letali autonome.

Le armi letali autonome hanno da tempo cessato di far parte delle opere di fantascienza e sono diventate una realtà sul campo di battaglia. Il 21 dicembre di quest’anno, 120 paesi hanno preso parte alla Convenzione delle Nazioni Unite su alcune armi convenzionali, ma non sono riusciti a mettersi d’accordo se limitare lo sviluppo o l’uso di armi letali autonome. Invece, hanno promesso di continuare le discussioni.

Negli ultimi anni, sempre più sistemi d’arma includono elementi di intelligenza artificiale. Alcuni missili possono, ad esempio, volare senza istruzioni speciali all’interno di una determinata area, ma di solito fanno ancora affidamento su un essere umano per lanciare un attacco. Ma i progressi negli algoritmi, nei sensori e nell’elettronica di intelligenza artificiale hanno reso più facile costruire sistemi autonomi più complessi, costruendo macchine in grado di prendere le proprie decisioni sull’uso della forza letale.

Advertisements

Le autorità di Brasile, Sud Africa, Nuova Zelanda e Svizzera hanno proposto di limitare per trattato l’uso di armi letali autonome, come nel caso delle armi chimiche e biologiche e delle mine terrestri.

La Germania e la Francia sostengono le restrizioni su alcuni tipi di armi autonome, comprese quelle potenzialmente mirate agli esseri umani. La Cina mantiene una serie di restrizioni ma estremamente basse.

Altri paesi, tra cui Stati Uniti, Russia, India, Regno Unito e Australia, si oppongono al divieto di armi autonome letali, sostenendo che hanno bisogno di sviluppare tecnologia per mantenere posizioni strategiche.

Advertisements

Il problema è diventato più urgente quest’anno dopo che il letale drone autonomo Kargu-2 prodotto da STM è stato utilizzato per attaccare le persone nella guerra civile in Libia nel 2020.

STM non ha confermato che il dispositivo possa mirare e sparare a persone senza il controllo umano. Il sito web dell’azienda ora elenca un operatore umano che prende decisioni sull’uso dell’arma. Tuttavia, la versione cache del sito di giugno non include tale avvertenza.

Advertisements