Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Il nuovo ransomware GwisinLocker attacca sia Windows che Linux ESXi

Una nuova famiglia di ransomware denominata “GwisinLocker” prende di mira le organizzazioni sanitarie, nonché le aziende industriali e farmaceutiche. 

Il malware può crittografare sia Windows che Linux, incluso il supporto per i server VMware ESXi e le macchine virtuali. 

L’autore del nuovo ransomware è il gruppo di criminali informatici Gwisin (tradotto dal coreano come “fantasma”). Gli esperti non possono dire con certezza da quale paese provenga questo gruppo, ma non c’è dubbio che i membri parlino bene il coreano. 

Inoltre, gli attacchi coincidono con le festività coreane e hanno luogo nelle prime ore del mattino. Di Gwisin si è parlato per la prima volta il mese scorso. 

Advertisements

Quando GwisinLocker attacca Windows, la catena di infezione inizia eseguendo un file di installazione MSI che richiede speciali opzioni della riga di comando per caricare correttamente la DLL incorporata. È questa libreria che ha le capacità crittografiche.

La necessità di utilizzare i parametri rende difficile l’analisi per i professionisti della sicurezza informatica.

Per aggirare il rilevamento antivirus, una DLL dannosa viene iniettata nei processi di sistema di Windows. A volte la configurazione include un’opzione per eseguire il ransomware in modalità provvisoria. In questo caso, il malware si copia nella sottocartella ProgramData, si installa come servizio e si riavvia in modalità provvisoria. 

La versione Linux è progettata per crittografare le macchine virtuali VMware ESXi. 

Advertisements

Il ransomware termina anche diversi demoni Linux e quindi attiva la crittografia con SHA256. È interessante notare che ogni attacco è personalizzato, incluso il nome della società attaccata nella richiesta di riscatto, nonché l’uso di un’estensione univoca che viene aggiunta ai nomi dei file interessati.