Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Il pesce robot, spaventa così tanto le specie invasive che non possono più riprodursi.

Il pesce zanzara orientale Gambusia, introdotto artificialmente in molte parti del mondo per mangiare larve di zanzara e tenere sotto controllo la diffusione della malaria, ha avuto una conseguenza negativa e non voluta sulla fauna locale: mordono le code dei pesci d’acqua dolce e dei girini autoctoni, che poi muoiono successivamente.

Ridurre il numero di pesci zanzara orientale senza danni altri animali selvatici è una prospettiva difficile, ma Giovanni Polverino dell’Università dell’Australia occidentale e i suoi colleghi hanno escogitato una potenziale soluzione.

Hanno progettato una versione robotica del persico trota (Micropterus salmoides ), che preda naturalmente il pesce zanzara.

Il pesce robot ha le sembianze del vero predatore e imita persino il suo comportamento nel nuoto.

Advertisements

Il team di Polverino ha condotto esperimenti in acquari con sei pesci zanzara orientale catturati in natura e sei girini catturati in natura. Quando una telecamera dall’alto ha visto un pesce zanzara muoversi per attaccare i girini, il pesce robot ha simulato il proprio attacco al pesce zanzara.

Le zanzare potrebbe aver ucciso metà delle persone vissute sulla terra e i ricercatori affermano che dopo questi attacchi con i robot, il pesce zanzara orientale ha mostrato perdita di peso, cambiamenti nella forma del corpo e una riduzione della fertilità, che secondo loro porterebbe a una riduzione del numero dei pesci.

I pesci maschi iniziarono a sviluppare corpi più sottili e snelli con muscoli della coda più forti per sfuggire ai predatori, mentre le femmine producono uova più leggere. Questi effetti sono durati diverse settimane anche senza successivi attacchi.

“Questo parassita è una serie minacciata per molti animali acquatici”

ha affermato Polverino.

Advertisements

“Invece di ucciderli uno per uno, presentiamo un approccio che può fornire strategie migliori per controllare questo parassita globale. Abbiamo realizzato il loro peggior incubo”.

Il team ammette che il pesce robot non può ancora operare in natura, ma afferma che rappresenta un punto di partenza promettente per la ricerca futura.