Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Il Regno Unito sta eseguendo un enorme Vulnerability Assessment scansionando tutti i dispositivi connessi

Il National Cyber ​​Security Center (NCSC) del Regno Unito, l’agenzia governativa che guida la missione di sicurezza informatica del paese, sta ora esaminando tutti i dispositivi esposti su Internet del Regno Unito per individuare eventuali vulnerabilità.

L’obiettivo è valutare la vulnerabilità del Regno Unito agli attacchi informatici e aiutare i proprietari di sistemi connessi a Internet a comprendere la propria posizione di sicurezza.

“Queste attività consente di analizzare qualsiasi sistema accessibile a Internet ospitato nel Regno Unito e scoprire le vulnerabilità comuni o particolarmente importanti a causa del loro alto impatto”

ha affermato l’agenzia .

“L’NCSC utilizza i dati che abbiamo raccolto per creare una panoramica dell’esposizione del Regno Unito alle vulnerabilità a seguito alla loro divulgazione e tracciarne la correzione nel tempo”.

Le scansioni di NCSC vengono eseguite utilizzando strumenti ospitati in un ambiente ospitato su cloud dedicato (scanner.scanning.service.ncsc.gov.uk utilizzando 2 indirizzi IP: 18.171.7.246 e 35.177.10.231).

L’agenzia afferma che tutte le sonde di vulnerabilità vengono testate all’interno del proprio ambiente per rilevare eventuali problemi prima di eseguire la scansioni.

“Non stiamo cercando di trovare vulnerabilità nel Regno Unito per qualche altro scopo nefasto”

ha spiegato il direttore tecnico dell’NCSC Ian Levy

“Stiamo iniziando con scansioni semplici e aumenteremo lentamente la complessità, spiegando cosa stiamo facendo (e perché lo stiamo facendo).”

I dati raccolti da queste scansioni includono tutti i dati restituiti durante la connessione ai servizi e ai server Web, come le risposte HTTP complete (incluse le intestazioni).

Le richieste sono progettate per raccogliere la quantità minima di informazioni necessarie per verificare se la risorsa scansionata è interessata da una vulnerabilità.

Se vengono raccolti inavvertitamente dati sensibili o personali, l’NCSC afferma che “adotterà misure per rimuovere i dati e impedire che vengano acquisiti di nuovo in futuro”.

Le organizzazioni britanniche possono anche rinunciare alla scansione dei loro server inviando un’e-mail con un elenco di indirizzi IP che desiderano escludere a scanning@ncsc.gov.uk.

A gennaio, l’agenzia per la sicurezza informatica ha anche iniziato a rilasciare script NMAP Scripting Engine per aiutare i difensori a scansionare e riparare i sistemi vulnerabili sulle loro reti .

L’NCSC prevede di rilasciare nuovi script Nmap solo per vulnerabilità di sicurezza critiche che ritiene essere in cima agli elenchi di obiettivi degli attori delle minacce.