Red Hot Cyber

La cybersecurity è condivisione. Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed incentiva gli altri a fare meglio di te.
Cerca

Il tuo smartphone ti sta ascoltando? Probabilmente stai sopravvalutando le sue potenzialità

Redazione RHC : 12 Febbraio 2024 07:15

Molte persone hanno notato che dopo aver discusso ad alta voce di un prodotto (ad esempio con gli amici in un gruppo), su Internet compaiono annunci pubblicitari. E subito sorge la domanda: davvero lo smartphone ci ascolta e trasmette dati agli inserzionisti? Al giorno d’oggi le persone portano quasi sempre con sé dei gadget, quindi l’ipotesi sembra abbastanza logica, ma in realtà è un mito. Lo smartphone sicuramente non ti sta ascoltando.

Tutto è iniziato circa 8 anni fa, nel 2016. Poi un canale televisivo americano ha mandato in onda un articolo in cui si sosteneva che Facebook potesse intercettare le conversazioni degli utenti attraverso i microfoni degli smartphone. Questa informazione sensazionale sarebbe stata presentata dalla professoressa Kelly Burns dell’Università della Florida del Sud.

Tuttavia, in seguito si è scoperto che Burns in realtà non aveva detto nulla del genere. Ha solo notato che Facebook monitora attivamente le attività online delle persone. Sfortunatamente, il tutto è arrivato troppo tardi e il mito è riuscito a mettere radici profonde.

Le ragioni per cui ha preso piede sono abbastanza chiare. Nel 2016, Facebook ha ampliato notevolmente i suoi strumenti pubblicitari mirati. Gli inserzionisti hanno avuto accesso a una vasta gamma di informazioni sugli utenti: età, sesso, reddito, interessi e molto altro.

E 2 anni dopo, scoppiò un forte scandalo con Cambridge Analytica, che dimostrò che Facebook non si preoccupa affatto della riservatezza dei dati personali. L’idea che l’azienda possa hackerare i microfoni degli smartphone è diventata ancora più forte nelle nostre menti.

Tuttavia numerosi studi hanno sfatato la leggenda. Nel 2018, gli scienziati hanno testato migliaia di applicazioni e non hanno riscontrato un solo caso di attivazione non autorizzata del microfono e di trasmissione di conversazioni agli inserzionisti. Semplicemente non ne hanno bisogno.

Le società pubblicitarie sanno già quasi tutto sugli utenti, monitorano le loro azioni online: query di ricerca, messaggi, Mi piace, commenti, acquisti online. Tutto questo viene attentamente registrato e analizzato.

Noi stessi forniamo costantemente, spesso senza nemmeno accorgercene, un’enorme quantità di informazioni personali agli smartphone. E questo è un modo di sorveglianza molto più economico e affidabile.

Ma anche dopo aver compreso la verità, molto probabilmente continueremo a utilizzare servizi convenienti e applicazioni gratuite. Dopotutto, il prezzo del servizio è la nostra riservatezza. 

Pegasus, Finfisher, e PSOA permettendo.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.