Red Hot Cyber
La cybersecurity è condivisione. Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed incentiva gli altri a fare meglio di te.
Cerca
200 Milioni di Utenti X/Twitter scaricabili Online per 8 crediti  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  2 giorni senza riscaldamento per colpa del malware FrostyGoop. E’ successo a Leopoli in Ucraina a Gennaio  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Hacktivisti a Sostegno delle Rivolte in Bangladesh: Escalation di Violenza e Cyber Attacchi  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Copybara, il malware che prende di mira il banking italiano  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  Microsoft rilascia un tool USB per risolvere il problema del BSOD di CrowdStrike su Windows 10 e 11  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  EvilVideo: L’Exploit Zero-Day Che Minaccia Telegram su Android  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Una Hot-fix malevola per CrowdStrike diffonde HijackLoader e RemCos  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Red Hot Cyber Completa con Successo il Secondo Corso di Darkweb & Cyber Threat Intelligence  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  L’interruzione di CrowdStrike ha colpito meno dell’1% dei dispositivi Windows. Attenzione Alle Frodi!  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Incidente CrowdStrike: Riflessioni sulla Security di oggi e di Domani. “Non importa se si viene spiati, importa da chi”  ///  
Crowdstrike

La cybergang DeadBolt è stata truffata dalla polizia olandese con un hack di tutto rispetto

Redazione RHC : 18 Ottobre 2022 08:00

Anche i criminali informatici possono essere truffati. Questa è una storia che racconta proprio questo dove la vittima è stata la cybergang DeadBolt, la quale è stata “trollata” dalla polizia olandese.

La polizia olandese, insieme agli specialisti della sicurezza delle informazioni di RespondersNU, ha indotto gli operatori del ransomware DeadBolt a fornire loro 155 chiavi per decrittografare i dati. Per questo, gli esperti hanno dovuto falsificare dei pagamenti di riscatto.

DeadBolt è attivo dall’inizio del 2022 e attacca NAS di vari produttori. Il ransomware è principalmente specializzato sui dispositivi Qnap, ma sono stati rilevati anche attacchi ai NAS ASUSTOR .

Secondo la polizia olandese, gli attacchi ransomware hanno già compromesso più di 20.000 dispositivi in ​​tutto il mondo e almeno 1.000 nei Paesi Bassi. 

Richiedono 0,03 bitcoin (circa 575 dollari) dai proprietari del NAS hackerato per decrittare i dati.

Gli esperti affermano che dopo aver pagato il riscatto, DeadBolt invia una transazione bitcoin allo stesso indirizzo utilizzato per pagare il riscatto. Di conseguenza, la transazione contiene la chiave per decifrare i dati per la vittima, che può essere trovata in OP_RETURN.

Quando la vittima fornisce questa chiave al malware, viene convertita in un hash SHA256, rispetto all’hash SHA256 della chiave di decrittazione della vittima, nonché all’hash SHA256 della chiave di decrittazione master di DeadBolt. Se la chiave di decrittografia corrisponde a uno degli hash SHA256, i file crittografati sul NAS verranno decrittografati.

“La polizia ha pagato il riscatto, ha ricevuto le chiavi di decrittazione e poi ha ritirato i pagamenti. Queste chiavi consentono di sbloccare file come foto o file in generale senza spendere soldi”

hanno affermato le forze dell’ordine in un comunicato stampa.

Bleeping Computer ha scoperto i dettagli di questa operazione da un esperto di sicurezza delle informazioni di RespondersNU, Rickey Gevers. Ha confermato che la polizia ha indotto il ransomware a creare chiavi di decrittazione e ha annullato le sue transazioni prima che fossero incluse nel blocco.

Il fatto è che la chiave di decrittazione è stata inviata immediatamente dalle vittime, senza attendere la conferma della legittimità della transazione. Ciò ha consentito alle forze dell’ordine e agli esperti di falsificare i pagamenti di riscatto quando la blockchain era fortemente congestionata. 

Poiché la blockchain aveva bisogno di tempo per confermare le transazioni, la polizia è riuscita a completare le transazioni, ottenere le chiavi e annullare immediatamente i pagamenti.

Sfortunatamente, la cybergang ha capito come sono stati truffati, motivo per cui gli hacker dietro DeadBold ora richiedono una doppia conferma prima di consegnare le chiavi per decrittografare i dati alle vittime.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.