Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Lo spyware Phantom della NSO Group è stato acquistato dall’FBI per testare le sue funzionalità

Ogni tanto la NSO Group, il Public Sectory Operation Actors (PSOA) ritorna a far parlare di se. Questa volta a causa di un presunto acquisto da parte dell’FBI di un prodotto dell’azienda, lo spyware Phantom.

Secondo un rapporto pubblicato sabato dal New York Times, diversi agenti dipendenti stavano sviluppando un documento che includeva raccomandazioni su come utilizzare i prodotti NSO “in determinate condizioni specifiche” e su come affrontare l’uso di tali strumenti.

Advertisements

A sua volta, l’FBI afferma che la licenza limitata di Phantom è stata acquistata solo per testare e valutare le capacità del prodotto nelle mani degli aggressori. 

“Lo spyware NSO non è mai stato utilizzato in un’indagine criminale”

ha affermato il direttore dell’FBI Chris Wray.

Advertisements

Ma anche così, è chiaro che l’FBI era interessato a utilizzare questo tipo di strumento per hackerare i telefoni dei propri obiettivi nel corso delle indagini penali.

È noto che il governo ha trascorso quasi due anni a decidere se poteva distribuire legalmente software senza violare le restrizioni legali e costituzionali americane. Tuttavia, dopo aver appreso che ciò non era possibile, l’agenzia ha abbandonato l’uso di Phantom .

Una nota legale rilasciata per conto dell’ufficio il mese scorso afferma che l’FBI alla fine ha deciso di non utilizzare Phanom nelle indagini penali, ma non avrebbe interrotto i test del prodotto.