Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora

Più di 100.000 firewall FortiGate sono a rischio compromissione. Aggiornate se non lo avete ancora fatto

I ricercatori di sicurezza di Cyble hanno notato che i initial access broker (IAB) vendono l’accesso a reti che sono state compromesse da una vulnerabilità critica nei prodotti Fortinet. 

La vulnerabilità viene tracciata come CVE-2022-40684, interessa FortiOS, FortiProxy e FortiSwitchManager. Informazioni dettagliate sulla vulnerabilità (incluso l’exploit PoC) sono state rese disponibili all’inizio di ottobre, quando era già sfruttata attivamente dagli hacker.

La CVE-2022-40684 consente ad un hacker di aggirare l’autenticazione e utilizzare richieste HTTP o HTTPS appositamente predisposte per eseguire operazioni non autorizzate sull’interfaccia amministrativa del dispositivo della vittima.

In sostanza, la vulnerabilità fornisce a un utente malintenzionato l’accesso amministrativo a SSH sul dispositivo di destinazione, consentendogli di aggiornare o aggiungere una chiave pubblica SSH al dispositivo e ottenere il pieno controllo su di esso.

Secondo Cyble, più di 100.000 firewall FortiGate potrebbero essere presi di mira dai criminali informatici se non patchati. I ricercatori di Cyble affermano di aver già visto i malintenzionati offrire l’accesso a reti compromesse attraverso l’utilizzo della CVE-2022-40684.

Dopo aver analizzato l’accesso VPN alla rete che gli aggressori stavano vendendo, gli esperti hanno scoperto che gli hacker stavano cercando di aggiungere la propria chiave pubblica all’account amministratore. Come si è scoperto in seguito, l’azienda vittima utilizzava una versione obsoleta di FortiOS, motivo per cui è stata violata utilizzando la CVE-2022-40684.

Si segnala che la vulnerabilità interessa le versioni di FortiOS dalla 7.0.0 alla 7.0.6 e dalla 7.2.0 alla 7.2.1, nonché le versioni di FortiProxy dalla 7.0.0 alla 7.0.6 e 7.2.0. Tuttavia, la correzione è già disponibile e si trova sul sito Web di Fortinet. Ma ciò nonostante, gli attacchi non si fermano e vanno avanti dal 17 ottobre, secondo Cyble.

Ricordiamo che gli esperti precedenti hanno annunciato più di 17.000 dispositivi Fortinet vulnerabili. Quindi un’ondata di attacchi è stata provocata dalla pubblicazione di un exploit PoC per la vulnerabilità.