Privateers: il nome per descrivere criminali informatici non connessi ai governi di Talos.


L'interruzione indotta dal ransomware a Colonial Pipeline, che fornisce il 45% del carburante consumato sulla costa orientale, ha imposto grandi cambiamenti alle politiche del governo degli Stati Uniti sulla sicurezza dei gasdotti e ha portato a un maggiore controllo sulle decisioni delle organizzazioni nel pagare i riscatti ai criminali informatici.


Ora, l'incidente ha portato un'importante società di sicurezza informatica a cambiare il modo in cui classifica pubblicamente la relazione tra gruppi criminali e governi che li ospitano.


Nello specifico Talos, l'unità di intelligence sulle minacce di Cisco, ha dichiarato mercoledì che inizierà a utilizzare il termine "corsari" (privateers) per descrivere i gruppi di hacker che non sono controllati dai governi ma che "traggono vantaggio dalle decisioni del governo per chiudere un occhio sulle loro attività".


Altri dirigenti della sicurezza informatica hanno confrontato i paradisi "sicuri" che alcuni governi forniscono ai criminali informatici. "Se fosse il XVII secolo, e i pirati che molestano la flotta mercantile inglese si stanno nascondendo nei porti olandesi, a che punto gli olandesi sarebbero ritenuti colpevoli?"

ha twittato John Hultquist, vice presidente dell'intelligence sulle minacce di Mandiant FireEye. "A che punto le affermazioni di una politica neutra si esaurirebbero?"


I ricercatori di Talos hanno affermato che DarkSide, il collettivo di criminali informatici di lingua russa che presumibilmente ha violato Colonial Pipeline, è un esempio di corsaro.


Il presidente Joe Biden sembra essere d'accordo. "Finora non ci sono prove ... dai nostri servizi segreti che la Russia sia coinvolta, anche se ci sono prove che il ransomware degli attori sia Russo", ha detto Biden ai giornalisti il ​​10 maggio.



Se il sistema di classificazione di Talos prende piede su altre società di sicurezza, potrebbe avere implicazioni sul modo in cui il governo degli Stati Uniti e i suoi alleati affrontano la questione. I pubblici ministeri statunitensi si avvalgono in larga scala delle analisi e dell'assistenza di società private di ricerca per intentare accuse contro i criminali informatici non statali o collegati allo stato.


Il ricercatore di Talos Vitor Ventura ha dichiarato in una e-mail che l'obiettivo della sua azienda è quello di "sfidare lo status quo delle classificazioni dei gruppi" utilizzato nel settore della sicurezza informatica.


"È importante distinguere questi gruppi dai tipici attori legati allo stato perché si pongono in mezzo tra i criminal hacker e i gruppi APT dal punto di vista della complessità",


ha aggiunto.

Come andrà a finire?

Fonte

https://www.cyberscoop.com/cisco-talos-darkside-colonial-privateers/