Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

squad303 invia 5 milioni di messaggi anti-propaganda ai cittadini russi

Un esercito digitale in tutto il mondo lavora per contrastare le operazioni di disinformazione della Russia e ha inviato più di 5 milioni di messaggi di testo a numeri di cellulari russi trasmettendo informazioni su ciò che sta realmente accadendo in Ucraina.

“Abbiamo un messaggio per i cittadini del mondo libero: la legione ti sta chiamando. L’Ucraina ha bisogno di te. Sei il più grande esercito nella storia del mondo”

ha detto oggi in un video Squad303, che ha creato lo strumento che consente ai guerrieri digitali di superare il muro delle informazioni del regime russo.

“Non hai bisogno di armi o munizioni. Le tue armi sono smartphone e le tue munizioni sono messaggi inviati ai cittadini russi”.

Il collettivo di hacker Anonymous ha lanciato l’offensiva informatica #OpRussia quasi due settimane fa in risposta all’invasione dell’Ucraina, provocando hack e takedown di siti Web del governo russo insieme a fughe di dati.

Gli hacker hanno utilizzato il loro accesso per trasmettere ai cittadini la verità sulla guerra di Putin, invitando i russi a opporsi all’attacco alla nazione confinante.

Advertisements

Gli hacker hacktivisti di Squad303 hanno creato uno strumento che consente a persone comuni di dare un contributo positivo alla

“operazione informatica più grande e di maggior successo nella storia del mondo”.

Entro 48 ore dal rilascio dello strumento 1920.in, il gruppo ha riferito su Twitter che

“il popolo del mondo libero ha inviato ai russi 2 milioni di messaggi di testo”

avvertendo che il popolo russo ha bisogno di conoscere la verità sulla sua guerra. Entro martedì, quel volume aveva raggiunto i 5 milioni e continuava a salire.

Il gruppo ha anche pubblicato sul suo canale Telegram un elenco dei numeri di cellulare dei membri della Duma russa, incoraggiando l’esercito digitale a “fare una bella chiacchierata” con i legislatori.

Advertisements

Un altro gruppo di Anonymous ha affermato di aver preso il controllo di oltre 400 feed di telecamere russe tra cui strutture governative, uffici, scuole e aziende, e ne ha pubblicato alcuni flussi su un sito Web con un messaggio sovrapposto ai feed che include l’ultimo bilancio delle vittime civili in Ucraina e inizia con ” Putin sta uccidendo i bambini”.