Terre rare: Australia, Congo e Cina detengono 3/4 del mercato.


Spesso sentiamo parlare delle cosiddette "Terre Rare".


Si tratta di un insieme di diciassette elementi metallici. Questi includono i quindici lantanidi sulla tavola periodica più scandio e ittrio. Tutti questi elementi sono oggi parti essenziali di molti dispositivi high-tech e dato che la geopolitica e l'economia odierna gravitano attorno alla tecnologia, le somme sono presto fatte nel dire che su questo fronte si giocherà una delle partite più importanti dei nostri tempi.



Mentre in passato i cambiamenti sono stati provocati da grandi guerre o cambiamenti rivoluzionari nelle strutture politiche, questa volta non è stato sparato un solo colpo né alcun governo o sistema politico è caduto.

Tavola degli elementi e terre rare

L'intensa lotta per la supremazia economica e geopolitica, le lotte come la corsa al 5G, i big data, l'intelligenza artificiale, gli sforzi per eliminare il dollaro USA come valuta internazionale preferita (il bitcoin e le criptovalute), i giochi sul prezzo del petrolio greggio, il virus nato a Wuhan, sono tutte battaglie su cui si combatte su fronti distinti, come parte di una guerra più ampia in un ordine mondiale completamente diverso dal passato.


Mentre queste guerre vengono condotte all'aperto, c'è un'altra guerra più piccola (al momento), ma con il potenziale di un immenso impatto economico e strategico per il futuro.


Questa è "La guerra per le terre rare".



A cosa servono le terre rare

I metalli delle terre rare e le leghe che li contengono sono utilizzati in molti dispositivi che le persone usano ogni giorno come memorie di computer, DVD, batterie ricaricabili, telefoni cellulari, convertitori catalitici, magneti, luci fluorescenti e molto altro.


Negli ultimi vent'anni, c'è stata un'esplosione della domanda per molti articoli che richiedono per essere costruiti terre rare. Vent'anni fa pochissime persone possedevano un telefono cellulare, ma oggi oltre 5 miliardi di persone possiedono un dispositivo mobile e non solo uno.


L'uso di elementi delle terre rare nei computer è cresciuto quasi alla stessa velocità dei telefoni cellulari. Molte batterie ricaricabili sono realizzate con composti di terre rare. La domanda di batterie è guidata dalla domanda di dispositivi elettronici portatili come telefoni cellulari, lettori, computer portatili e fotocamere.


Diverse libbre di composti di terre rare sono nelle batterie che alimentano ogni veicolo elettrico e veicolo ibrido-elettrico. Per quanto riguarda l'indipendenza energetica, il cambiamento climatico e altri problemi guidano la vendita di veicoli elettrici e ibridi, la domanda di batterie realizzate con composti di terre rare aumenterà ancora più velocemente.



Le terre rare vengono utilizzate come catalizzatori, fosfori e composti lucidanti. Questi sono utilizzati per il controllo dell'inquinamento atmosferico, schermi luminosi su dispositivi elettronici e la lucidatura di vetri di qualità ottica. Si prevede che tutti questi prodotti subiranno un aumento della domanda.


La difficoltà di estrazione

Gli elementi delle terre rare (REE), come visto all'inizio, sono lo scandio, l'ittrio e altri 15 elementi del gruppo dei metalli lantanidi. Sebbene siano chiamate "terre rare" (ad eccezione del Promezio che è instabile), le altre sono relativamente abbondanti sulla crosta terrestre. Anche l'elemento delle terre rare meno abbondante, il tulio, è da 100 a 200 volte più comune dell'oro.


Ciò che le rende "terre rare" è il fatto che si trovano disperse in tutto il pianeta a basse concentrazioni e raramente si trovano in quantità adeguate tanto da essere utilizzate. Infatti, una volta acquisiti questi minerali, devono essere separati gli uni dagli altri con procedimenti chimici e questo corrisponde ad un enorme impatto ecologico per tutto il pianeta.



Non si discute sul fatto che il prossimo passaggio ai veicoli elettrici e una maggiore dipendenza dalle energie rinnovabili aumenterà la concorrenza sulle terre rare, che sono fondamentali per la produzione di qualsiasi cosa, dai telefoni cellulari alle batterie per auto elettriche e turbine eoliche. L'unica vera domanda è come il resto del mondo al di fuori della Cina, e in particolare gli Stati Uniti, affronterà l'imminente competizione sulle terre rare.


Infatti, relativamente ai procedimenti industriali che intervengono dopo l’estrazione, ad oggi è la Cina la dominatrice assoluta. Ad oggi quasi tutti i produttori dipendono da Pechino per la lavorazione successiva all'estrazione, anche se la Cina, come in molti casi su questo ambito ci stava lavorando da tempo, come mostra il grafico.

Produzione ed inquinamento

L'estrazione delle terre rare è una delle produzioni più distruttive e tossiche dal punto di vista ambientale di qualsiasi pratica mineraria. È infatti difficile estrarre ed elaborare terre rare senza danneggiare l'ambiente. I problemi sono legati ai due metodi di estrazione primari.


Il primo prevede la rimozione del terriccio, il trasporto in uno stagno di lisciviazione e l'aggiunta di sostanze chimiche (come il solfato di ammonio e il cloruro di ammonio) per separare i metalli. Le sostanze chimiche utilizzate in questo processo di separazione possono creare inquinamento atmosferico, causare erosione e filtrare nelle acque sotterranee.



Il secondo metodo di lavorazione prevede la perforazione di fori nel terreno, l'inserimento di tubi in PVC e tubi in gomma e il pompaggio di sostanze chimiche per eliminare la terra. Il liquame risultante viene quindi pompato in stagni di lisciviazione per separare il metallo delle terre rare. Questo metodo crea gli stessi problemi della rimozione del terriccio con l'aggiunta di tubi in PVC, tubi in gomma e altro vario utilizzato dalle squadre minerarie che rimangono disseminate nelle miniere. Le miniere abbandonate pongono continui rischi ambientali. Le sostanze chimiche rimanenti possono continuare a filtrare nelle acque sotterranee.


Oltre ad essere il più grande produttore mondiale di materiali delle terre rare, la Cina è anche il consumatore dominante. Usano terre rare principalmente nella produzione di prodotti elettronici per i mercati nazionali e di esportazione. Il Giappone e gli Stati Uniti sono il secondo e il terzo consumatore di terre rare.


L'estrazione di metalli delle terre rare avviene principalmente nel sud-est della Cina, in province come Jiangxi e Fujian. Ma ci sono anche attività minerarie a nord come la Mongolia interna e ad ovest come Sichuan. Nell'ultimo decennio e mezzo, la Cina si è anche mossa per ottenere i diritti di estrazione mineraria esclusivi nei paesi africani in cambio della costruzione di grandi progetti infrastrutturali . Sono stati siglati accordi nella Repubblica Democratica del Congo e in Kenya, dove la Cina ha accettato di fornire 666 milioni di dollari per un data center e un'autostrada.


In Australia hanno iniziato a produrre ossidi di terre rare nel 2011. Nel 2012 e nel 2013 fornivano circa il 2% al 3% della produzione mondiale. Nel 2012 la miniera di Mountain Pass è tornata in produzione e gli Stati Uniti hanno prodotto circa il 4% degli elementi delle terre rare del mondo nel 2013. La produzione in Brasile, Malesia , Russia , Thailandia e Vietnam è continuata o aumentata.



Nuove valutazioni delle risorse minerarie condotte dallo United States Geological Survey hanno identificato risorse significative al di fuori della Cina. Sebbene la Cina sia il leader mondiale nella produzione di terre rare, controlla solo circa il 36% delle riserve mondiali. Ciò offre ad altri paesi l'opportunità di diventare importanti produttori ora che la Cina non vende terre rare al di sotto del costo di produzione.




Fonte

https://www.theweek.in/news/sci-tech/2020/05/16/global-rare-earths-battle-a-reality-check.html