Red Hot Cyber
La cybersecurity è condivisione. Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed incentiva gli altri a fare meglio di te.
Cerca
200 Milioni di Utenti X/Twitter scaricabili Online per 8 crediti  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  2 giorni senza riscaldamento per colpa del malware FrostyGoop. E’ successo a Leopoli in Ucraina a Gennaio  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Hacktivisti a Sostegno delle Rivolte in Bangladesh: Escalation di Violenza e Cyber Attacchi  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Copybara, il malware che prende di mira il banking italiano  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  Microsoft rilascia un tool USB per risolvere il problema del BSOD di CrowdStrike su Windows 10 e 11  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  EvilVideo: L’Exploit Zero-Day Che Minaccia Telegram su Android  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Una Hot-fix malevola per CrowdStrike diffonde HijackLoader e RemCos  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Red Hot Cyber Completa con Successo il Secondo Corso di Darkweb & Cyber Threat Intelligence  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  L’interruzione di CrowdStrike ha colpito meno dell’1% dei dispositivi Windows. Attenzione Alle Frodi!  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Incidente CrowdStrike: Riflessioni sulla Security di oggi e di Domani. “Non importa se si viene spiati, importa da chi”  ///  
Crowdstrike

Una pericolosa RCE è stata rilevata all’interno del pacchetto OpenSSH

Redazione RHC : 10 Luglio 2024 09:09

I ricercatori di sicurezza hanno scoperto una nuova vulnerabilità in OpenSSH, identificata come CVE-2024-6409, che potrebbe potenzialmente consentire attacchi di esecuzione di codice remoto sui sistemi interessati.

Questa vulnerabilità, che riguarda le versioni 8.7 e 8.8 di OpenSSH, consente la potenziale esecuzione di codice remoto (RCE) a causa di una race condition nella gestione del segnale all’interno del processo figlio di separazione dei privilegi (privsep).

La vulnerabilità è stata divulgata pubblicamente l’8 luglio 2024, in seguito a un’analisi approfondita condotta da Qualys in seguito alla precedente vulnerabilità CVE-2024-6387 e a un’ulteriore revisione da parte dei ricercatori di sicurezza.

il bug relativo al CVE-2024-6409 risiede nella funzione grace_alarm_handler() che richiama impropriamente cleanup_exit() dall’interno di un gestore di segnale. Questa funzione non è sicura da richiamare in tale contesto, in quanto potrebbe richiamare altre funzioni che non sono async-signal-safe, portando a potenziali rischi per la sicurezza.

Il problema è particolarmente preoccupante per i sistemi che eseguono le versioni 8.7 e 8.8 di OpenSSH, nonché le relative release portatili. La vulnerabilità è esacerbata da alcune patch downstream, come quella openssh-7.6p1-audit.patchpresente nel pacchetto OpenSSH di Red Hat, che aggiunge codice aggiuntivo cleanup_exit() che può innescare la vulnerabilità.

La distinzione fondamentale rispetto al CVE-2024-6387 risiede nel fatto che la race condition non ha il potenziale per l’esecuzione di codice remoto (RCE) essendo avviati nel processo figlio privsep. Questo processo opera con privilegi limitati rispetto al processo server padre. Di conseguenza, l’impatto immediato è ridotto.

Sebbene l’impatto immediato di CVE-2024-6409 sia in qualche modo mitigato dal fatto che la race condition e il potenziale RCE vengono attivati ​​nel processo figlio privsep, che opera con privilegi ridotti rispetto al processo del server padre, la vulnerabilità rappresenta comunque un rischio significativo.

Il processo figlio privsep è progettato per limitare i danni che possono essere causati se venisse compromesso, ma il rischio di esecuzione di codice remoto resta una minaccia seria.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.