Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Zuckerberg scende dal terzo al quinto posto tra i ricchi della terra dopo il down di Facebook.

Come abbiamo riportato nella Timeline dell’incidente di Facebook, si sono avvicendate diverse dichiarazione sia durante l’incidente che dopo.

“Facebook, Instagram, WhatsApp e Messenger sono tornati finalmente online. Ci scusiamo per il disguido di oggi. So quanto ti affidi ai nostri servizi per rimanere in contatto con le persone a cui tieni”

ha detto Zuckerberg.

“All’enorme comunità di persone e aziende di tutto il mondo che dipendono da noi: ci dispiace. Abbiamo lavorato duramente per riottenere l’accesso alle nostre app e ai nostri servizi e siamo lieti di annunciare che sono di nuovo online. Grazie per averci sopportato”

ha detto il post di Facebook.

Tutti e tre i servizi si sono bloccati intorno alle 18:30. Hanno cominciato a riprendersi all’una. Downdetector, un servizio di monitoraggio delle risorse online, ha annunciato che si trattava del più grande problema tecnico mai registrato dal servizio.

Advertisements

Infatti, Downdetector ha ricevuto 10,6 milioni di segnalazioni di problemi da tutto il mondo.

A seguito del fallimento globale dei servizi di Facebook, gli utenti hanno iniziato a lamentarsi massicciamente dei problemi con il funzionamento di altri servizi e social. Secondo Downdetector, gli arresti anomali si sono propagati anche ad altri servizi quali YouTube, Tinder, Netflix, Zoom, Snapchat e Gmail.

Gli Stati Uniti hanno inoltre lamentato un malfunzionamento dei servizi online di Bank of America, degli operatori mobili T-Mobile, Verizon e AT&T, nonché del provider Internet Spectrum ed in Italia sono stati lamentati anche problematiche sui servizi della TIM.

La portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha affermato che le autorità del Paese stanno monitorando da vicino la situazione. Il Pentagono non ha commentato le informazioni sui problemi.

Advertisements

Il motivo ufficiale dell’incidente non è stato ancora reso noto.

Secondo gli esperti, i problemi potrebbero essere causati da un malfunzionamento di un grande fornitore di servizi cloud. Secondo un’altra versione, l’errore si è verificato a causa di router aggiornati in modo errato. Un aggiornamento dei router errato ha reso il server DNS non disponibile.

Facebook, in poche ore è sceso a 120,9 miliardi di dollari.

Con il down di ieri di Facebook, WhatsApp, Instagram, il valore netto stimato di Mark Zuckerberg, fondatore e Ceo di Facebook, è sceso di circa 6 miliardi di dollari (5,165 miliardi di euro) lunedì, principalmente a causa del crollo delle azioni del popolare social network dopo i problemi sofferti ieri dalle tre piattaforme, tutte di proprietà di Facebook, i cui servizi sono ripresi dopo diverse ore.

Advertisements

Così, Zuckerberg è sceso dal terzo al quinto posto delle persone più ricche del mondo, che in precedenza era occupato dall’imprenditore Bill Gates.