Red Hot Cyber

La cybersecurity è condivisione.
Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed 
incentiva gli altri a fare meglio di te.

Cerca

A causa di un bug su VirusTotal, l’intelligence statunitense e tedesca sono alle prese con la privacy

Redazione RHC : 25 Luglio 2023 17:40

Alla fine di giugno è apparso in rete un file di 313 KB con i dati di 5600 clienti della piattaforma VirusTotal, tra cui dipendenti della National Security Agency (NSA) statunitense, servizi di intelligence tedeschi e grandi aziende tedesche. Lo riportano i media tedeschi.

VirusTotal è un servizio online progettato per analizzare file e URL per rilevare malware. Il servizio utilizza molti motori antivirus e altri strumenti per eseguire la scansione degli oggetti forniti. Quando un utente carica un file o immette un URL sul sito Web di VirusTotal, il servizio lo controlla automaticamente alla ricerca di virus, trojan, spyware e altri tipi di codice dannoso. 

Pertanto, VirusTotal crea un archivio globale di strumenti di attacco digitale, una sorta di libreria di codici maligni.

Tuttavia, questo servizio comporta alcuni rischi. Uno di questi è che i file caricati sulla piattaforma diventano disponibili per tutti coloro che hanno un account speciale. Ciò significa che i dati sensibili possono cadere nelle mani di aggressori che possono utilizzare i file per spionaggio, phishing o ingegneria sociale.

I dipendenti non solo dei servizi di intelligence, ma anche di molte altre organizzazioni e società coinvolte nella sicurezza delle informazioni sono entrati nella fuga di dati. Tra di loro ci sono la polizia tedesca, l’Ufficio criminale federale (BKA), il Servizio di controspionaggio militare (MAD) e il Servizio di intelligence federale (BND). La fuga di notizie contiene anche i dati dei dipendenti delle grandi società tedesche Deutsche Bahn, Bundesbank, Allianz, BMW, Mercedes-Benz e Deutsche Telekom.

La perdita non riguarda password o altri dati, ma nomi e indirizzi e-mail. Tuttavia, queste informazioni possono essere sufficienti per eseguire attacchi mirati utilizzando il social engineering o il phishing.

La fuga di dati mette in discussione anche l’affidabilità e la sicurezza della stessa piattaforma VirusTotal, di proprietà di Google. Accade raramente che i dati interni dei sistemi di Google diventino pubblici a causa di un leak.

Dopo aver scoperto la falla, VirusTotal ha rapidamente rimosso il file dal suo sito web. Un portavoce di Google Cloud ha affermato che la fuga di notizie è dovuta a un errore di un dipendente di VirusTotal che ha “accidentalmente reso disponibile al pubblico una piccola parte” dei dati dei clienti. Ha anche aggiunto che la società sta lavorando per migliorare i processi interni e i controlli tecnici per prevenire incidenti simili in futuro.

VirusTotal rimane un servizio utile e popolare per combattere gli attacchi informatici, ma i suoi utenti dovrebbero essere attenti e consapevoli dei rischi associati al caricamento di dati sensibili sulla piattaforma. In caso contrario, gli utenti potrebbero diventare vittime di coloro a cui stanno cercando di resistere.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.