Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Cisco non risolverà gli 0day di bypass dell’autenticazione sui router meno recenti

È stata rilevata una pericolosa vulnerabilità di bypass dell’autenticazione nei router Cisco. Il problema ha interessato diversi modelli di router VPN per piccole imprese, tuttavia, non riceveranno patch poiché sono già stati sospesi dalla produzione.

La vulnerabilità di 0day ha ricevuto l’ID CVE-2022-20923 ed è associata a un bug nell’algoritmo di verifica della password. Gli aggressori possono utilizzare questo problema per accedere alla VPN su dispositivi vulnerabili purché il server VPN IPSec sia attivo sul dispositivo.

“Sfruttare con successo il problema potrebbe consentire a un utente malintenzionato di aggirare l’autenticazione e ottenere l’accesso alla rete VPN IPSec”, spiegano gli sviluppatori. “L’attaccante potrà ottenere privilegi allo stesso livello dell’amministratore, a seconda delle credenziali utilizzate”.

Il produttore chiede ora ai clienti che utilizzano ancora i router legacy RV110W, RV130, RV130W e RV215W interessati da questo problema di eseguire l’aggiornamento a modelli più recenti che continuano a ricevere aggiornamenti di sicurezza. Tali router della serie RV sono stati sospesi nel 2019 e quindi il loro supporto è stato interrotto.

“Cisco non ha rilasciato e non rilascerà aggiornamenti software per affrontare la vulnerabilità descritta in questo bollettino”, ha affermato la società.

Per fortuna, Cisco ha affermato che il suo team non ha trovato prove di exploit disponibili per questo problema e si ritiene che gli hacker non abbiano sfruttato la vulnerabilità prima della pubblicazione del bollettino sulla sicurezza.

Advertisements

Questo ovviamente fino ad oggi.