Red Hot Cyber

La cybersecurity è condivisione. Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed incentiva gli altri a fare meglio di te.
Cerca

Databreach da ChatGPT? Google forza ChatGPT a fornire i dati di addestramento che sono informazioni personali

Redazione RHC : 30 Novembre 2023 18:49

I ricercatori di Google hanno dimostrato un nuovo attacco a ChatGPT, nel quale il popolare chatbot può rivelare informazioni personali di persone reali.

Il modello alla base di ChatGPT, come tutti i large Language Model (LLM), è stato addestrato su enormi quantità di dati presi da Internet. Precedenti ricerche hanno già dimostrato come realizzare generatori di immagini dai dati di addestramento, comprese le opere protette da copyright. 

Una nuova analisi di Google suggerisce che anche ChatGPT potrebbe essere costretto a fare qualcosa di simile.

“Utilizzando query su ChatGPT (gpt-3.5-turbo) siamo stati in grado di estrarre più di 10.000 campioni unici di dati di addestramento letterali”, scrivono i ricercatori. “Questo suggerisce che gli aggressori potrebbero essere in grado di estrarre molte più informazioni”.

In sostanza, l’attacco mostrato dai ricercatori consiste nel trovare le parole chiave giuste per confondere il chatbot e costringerlo a divulgare i dati di addestramento. I processi interni dei chatbot difficilmente possono essere trasparenti. Gli esperti hanno scoperto che determinate domande e frasi possono portare a strane reazioni da parte del chatbot e praticamente bloccarlo.

I ricercatori di Google si sono concentrati sul fare in modo che ChatGPT ripeta determinate parole all’infinito, come la parola “poesia”. L’obiettivo era costringere l’intelligenza artificiale a “deviare” dal modello di comportamento appreso dal chatbot e “tornare al modello linguistico originale”. La maggior parte del testo generato da questo confronto non ha senso. Ma in alcuni casi ChatGPT ha iniziato a bloccarsi e ha risposto copiando blocchi direttamente dai suoi dati di addestramento.

Tra i dati “ricordati” da LLM e recuperati dai ricercatori c’erano articoli scientifici, testi standard di siti Web, nonché informazioni personali di dozzine di persone reali. I ricercatori hanno confermato l’autenticità delle informazioni compilando il proprio set di dati da testi presi da Internet.

“Un totale del 16,9% delle generazioni che abbiamo testato contenevano informazioni personali ricordate e nell’85,8% dei casi in cui la generazione conteneva potenziali informazioni personali, tali informazioni personali si sono rivelate reali”, riferiscono gli esperti di Google.

È interessante notare che l’attacco è stato effettuato sul modello GPT 3.5, disponibile per gli utenti gratuiti (GPT-4 è disponibile solo per gli utenti abbonati).

“OpenAI ha affermato che cento milioni di persone utilizzano ChatGPT settimanalmente. Pertanto, è probabile che siano state spese più di un miliardo di ore di lavoro per interagire con il modello. Per quanto ne sappiamo, fino alla pubblicazione di questo articolo, nessuno aveva notato che ChatGPT produceva dati di addestramento con una frequenza così elevata. Pertanto, temiamo che i modelli linguistici possano avere altre vulnerabilità nascoste come questa”, concludono gli esperti.

Non ci sono ancora stati commenti ufficiali su questo studio da OpenAI.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.