Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Dopo QNAP, il ransowmare DeadBolt ora attaccano i NAS Asustor.

I proprietari di dispositivi NAS Asustor hanno segnalato su Reddit e sui forum ufficiali del produttore Asustor degli attacchi informatici condotti attraverso il ransomware DeadBolt. Ricordiamo che in precedenza lo stesso ransomware ha danneggiato i dispositivi QNAP e i dispositivi di Asustor sono diventati ora il ​​prossimo obiettivo.


I metodi dell’operatore DeadBolt non sono cambiati molto. Gli aggressori infettano da remoto i dispositivi NAS della vittima, crittografano le informazioni e chiedono un riscatto in bitcoin.
Ogni vittima riceve un indirizzo bitcoin univoco per inviare fondi. Dopo aver pagato, il criminale invia alla vittima una chiave di decrittazione per recuperare i file sul NAS infetto. I criminali chiedono un importo di 0,03 bitcoin (circa 1130 dollari al cambio attuale).


Questo è lo stesso importo che i criminali hanno chiesto ai clienti QNAP interessati.


DeadBolt stava cercando di vendere tutti i dettagli della presunta vulnerabilità zero-day di QNAP per 5 bitcoin (circa 185.000 dollari). I criminali informatici erano anche disposti a vendere a QNAP la chiave di decrittazione principale, che poteva de crittografare tutti i dispositivi attaccati e fornire informazioni sulla presunta vulnerabilità zero-day per 50 bitcoin (circa 1,85 milioni di dollari).

Advertisements


È interessante notare che il gruppo non ha fatto tali proposte ad Asustor.


Secondo i proprietari dei dispositivi, DeadBolt ha ottenuto l’accesso allo storage NAS tramite l’utility Asustor EZ Connect, che consente agli utenti di connettersi ai propri sistemi da qualsiasi parte del mondo.


Non è noto se tutti i dispositivi Asustor NAS siano interessati dall’attacco DeadBolt. Secondo alcuni utenti, i modelli AS6602T, AS-6210T-4K, AS5304T, AS6102T e AS5304T non sono stati infettati.

Advertisements