Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora

Emotet ferma la campagna di Spam in quanto il malware conteneva un bug

I creatori del malware Emotet hanno ripreso la loro campagna di phishing e corretto un bug che impediva alle vittime di essere infettate durante l’apertura di allegati dannosi presenti nelle e-mail.

Bleeping Computer riporta che venerdì scorso, Emotet ha lanciato una nuova campagna di spam in cui il malware è stato distribuito attraverso file ZIP protetti da password contenenti file di Windows mascherati da documenti Word.

Se l’utente faceva clic su tale collegamento, veniva eseguito un comando che cercava nel file di collegamento una riga specifica contenente uno script di Visual Basic.

Quindi il codice trovato veniva aggiunto a un nuovo file VBS, come di seguito:

Tuttavia, questo comando conteneva un errore e utilizzava il nome di un collegamento statico Password2.doc.lnk che però non funzionava correttamente.

L’errore ha causato l’arresto anomalo del malware perché il file Password2.doc.lnk non esisteva e il file VBS non era stato creato.

Gli esperti del gruppo di ricerca Cryptolaemus, che già nel 2018 si sono uniti per un obiettivo comune: combattere Emotet, sono stati i primi a scoprire questo problema . 

I ricercatori di Cryptolaemus hanno detto ai giornalisti che gli operatori di Emotet hanno interrotto la nuova campagna nella notte tra venerdì e sabato, quando hanno scoperto che il bug impediva alle macchine degli utenti di essere infettate.

Purtroppo, gli hacker non hanno impiegato molto a risolvere il problema: ieri, gli operatori di Emotet hanno corretto il bug e hanno ricominciato a inviare spam agli utenti con allegati dannosi.

Ora, quando il comando viene eseguito, i collegamenti fanno riferimento ai nomi di file corretti, che consentono di creare i file VBS necessari per gli attacchi, quindi scaricare e installare Emotet sui dispositivi delle vittime.