Red Hot Cyber

La cybersecurity è condivisione. Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed incentiva gli altri a fare meglio di te.
Cerca

Fujitsu lancia il primo computer quantistico privato del Giappone

Redazione RHC : 7 Ottobre 2023 09:18

Il Giappone ha lanciato il suo primo computer quantistico superconduttore, sviluppato da Fujitsu e dal RIKEN Research Institute. I computer quantistici superconduttori sono tra i più comuni oggi e sono utilizzati da aziende come Google, IBM e Rigetti. Questo progetto si basa su circuiti superconduttori che operano a temperature prossime allo zero assoluto per generare qubit.

Il sistema giapponese, ospitato presso il RIKEN RQC-Fujitsu Collaboration Center, include 64 qubit superconduttori su un chip integrato. Il sistema è in grado di fornire 264 stati di sovrapposizione ed entanglement quantistico, consentendo calcoli su scale irraggiungibili dai computer classici.

Tuttavia, il sistema funzionerà in parallelo con i computer classici che eseguono simulazioni quantistiche per monitorarne le sue prestazioni.


Scopri il Quantum Computing nel corso di RHC
Il quantum computing rappresenta una delle frontiere più affascinanti della tecnologia moderna. Con la promessa di accelerare i calcoli in modo esponenziale rispetto ai computer tradizionali, questa tecnologia ha il potenziale per rivoluzionare settori che vanno dalla crittografia alla simulazione di molecole complesse. Tuttavia, nonostante le aspettative elevate, al momento non ci sono ancora progressi significativi nell’adozione dei computer quantistici su problemi reali. La sfida principale è la costruzione di computer quantistici stabili e scalabili. I qubit, le unità di calcolo quantistiche, sono estremamente sensibili all’ambiente circostante e possono facilmente decadere, compromettendo la precisione dei calcoli. Gli scienziati e gli ingegneri stanno lavorando instancabilmente per superare queste sfide tecnologiche, ma ci vorrà ancora del tempo prima di capire se questi computer diventeranno una realtà pratica.

Fujitsu sottolinea che i computer quantistici richiedono una significativa correzione degli errori per funzionare in modo efficace. Per ora, accoppiare un computer quantistico con un cluster HPC che simula 40 qubit aiuterà gli scienziati a valutare la capacità del sistema di generare in modo affidabile risultati accurati.

RIKEN e Fujitsu sostengono che il sistema ibrido ha già dimostrato di essere più accurato quando si applicano algoritmi quantistici ai calcoli chimici. 

L’esperimento con il sistema ibrido ha permesso di calcolare l’energia dello stato fondamentale di una molecola contenente 12 atomi di idrogeno con una precisione maggiore rispetto all’utilizzo dei soli algoritmi classici.

Il sistema è stato ora implementato e Fujitsu e RIKEN lo stanno rendendo disponibile a società e istituzioni esterne, tra cui Fujifilm, Tokyo Electron, Mizuho-DL Financial Technology Co. e Mitsubishi Chemical, per la ricerca congiunta. Inoltre, Fujitsu e RIKEN stanno già sviluppando le tecnologie necessarie per scalare il sistema fino a 1.000 qubit.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.