Red Hot Cyber

La cybersecurity è condivisione.
Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed 
incentiva gli altri a fare meglio di te.

Cerca

Google sferra l’attacco finale contro lo spam: blocco automatico delle email non conformi

Redazione RHC : 2 Aprile 2024 18:21

  

Google sta iniziando a bloccare automaticamente le email provenienti da mittenti di massa che non seguono rigide linee guida anti-spam e non autenticano i propri messaggi, secondo le nuove regole.

Ricordiamo che lo scorso autunno Google e Yahoo hanno pubblicato nuove regole volte a combattere lo spam, il phishing e gli invii di massa. Pertanto, si prevedeva che nel 2024 tutti i mittenti di posta in blocco (che inviano più di 5.000 e-mail al giorno) sarebbero stati tenuti a implementare un’autenticazione e-mail più forte utilizzando standard di settore come SPF, DKIM e DMARC. È stato inoltre riferito che gli utenti dovrebbero essere in grado di annullare l’iscrizione allo spam con un clic e che i mittenti di e-mail in blocco dovrebbero essere tenuti a onorare le richieste di annullamento dell’iscrizione entro due giorni.

Inoltre, per ridurre i livelli di spam, Google ha deciso di imporre un “limite di spam” (inferiore allo 0,3%) che i mittenti di posta in blocco non saranno tenuti a superare. Il mancato rispetto di questo requisito comporterà problemi con la consegna delle email, incluso il rifiuto o lo spam automatico.

Come riportano ora gli sviluppatori di Gmail , a partire dal 1° aprile 2024, Google inizierà a rifiutare il traffico che non soddisfa i nuovi requisiti.

“I mittenti in blocco che non soddisfano i nostri requisiti inizieranno a ricevere messaggi con codici di errore per una piccola parte di messaggi che non soddisfano i requisiti”, ha affermato Google in una nota. “Questi errori temporanei aiuteranno i mittenti a identificare i messaggi non conformi. Incoraggiamo vivamente i mittenti a utilizzare questo periodo per apportare le modifiche necessarie per rendere il traffico conforme.”

Secondo i rappresentanti di Google, i sistemi di intelligenza artificiale protettivi dell’azienda sono in grado di bloccare con successo circa 15 miliardi di e-mail indesiderate ogni giorno, impedendo a oltre il 99,9% di spam, phishing e malware di entrare nelle caselle di posta degli utenti.

“Non dovresti preoccuparti della complessità degli standard di sicurezza della posta elettronica, ma dovresti essere in grado di fare affidamento con sicurezza sulla fonte dell’email”, ha affermato a ottobre Neil Kumaran, product manager di Gmail Security & Trust . “In definitiva, questo colmerà le lacune sfruttate dagli aggressori che minacciano chiunque utilizzi la posta elettronica”.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.