Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

I NAS di QNAP attaccati dal ransomware eCh0raix. Tra i 1200 e i 3000 dollari per riavere i file.

Gli utenti dei dispositivi NAS (Network Attached Storage) QNAP stanno segnalando attacchi ai propri sistemi con il ransomware eCh0raix, noto anche come QNAPCrypt.

L’autore delle minacce dietro questo particolare malware ha intensificato la propria attività circa una settimana prima di Natale, assumendo il controllo dei dispositivi con privilegi di amministratore.

Advertisements

Gli utenti del forum di BleepingComputer che gestiscono i sistemi QNAP e Synology NAS hanno segnalato regolarmente attacchi ransomware eCh0raix, ma molti di loro hanno iniziato a rivelare incidenti intorno al 20 dicembre.

L’aumento del numero di attacchi è confermato dal servizio ID ransomware, dove gli invii hanno iniziato ad aumentare il 19 dicembre e sono diminuiti verso il 26 dicembre.

Il vettore di infezione iniziale rimane poco chiaro al momento. Alcuni utenti ammettono di essere stati imprudenti e di non aver protetto adeguatamente il dispositivo (ad esempio esponendolo a Internet con una connessione non sicura); altri affermano che una vulnerabilità in Photo Station di QNAP ha permesso agli aggressori di provocare il caos.

Advertisements

Indipendentemente dal percorso di attacco, sembra che l’attore ransomware eCh0raix crei un utente nel gruppo di amministratori, che consente loro di crittografare tutti i file sul sistema NAS.

Gli utenti QNAP, alcuni dei quali utilizzano il dispositivo NAS per scopi aziendali, hanno segnalato sul forum BleepingComputer che il malware ha crittografato immagini e documenti.


Richiesta di riscatto. Fonte BleepingComputer.

A parte il picco nel numero di attacchi, ciò che spicca in questa campagna è che l’attore ha sbagliato a digitare l’estensione per la richiesta di riscatto e ha utilizzato l’estensione “.TXTT”.

Advertisements

Sebbene ciò non impedisca la visualizzazione delle istruzioni, potrebbe creare un problema per alcuni utenti, che dovranno far aprire dal sistema operativo il file con un programma specifico (es. Blocco note) o caricarlo in tale programma.

BleepingComputer ha visto richieste di ransomware ech0raix che vanno da .024 ($ 1.200) a .06 bitcoin ($ 3.000) durante questi recenti attacchi. Alcuni utenti non avevano opzioni di backup e hanno dovuto pagare la cyber gang per recuperare i propri file.

Advertisements