Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Il bridge Nomad è stato prosciugato. 190 milioni di dollari evaporati

Un nuovo hack si è verificato il 1 agosto sul “bridge” Nomad, società che lo scorso aprile aveva raccolto 22 milioni di dollari con la promessa di fornire maggiore sicurezza e protezione contro la pirateria informatica.

Sono in gioco 190 milioni di dollari, secondo la società di sicurezza informatica PeckShield citata da Bloomberg

I fondi sarebbero stati drenati in più rate e su più conti. Alcuni account appartengono ad hacker etici ben intenzionati che hanno deciso di proteggere le criptovalute dagli hacker criminali, secondo un articolo di Coin Telegraph, che ha intervistato la Nomad.

I bridge stanno diventando sempre più il tallone di Achille delle criptovalute. Funzionano come se, invece di passare un veicolo da una banca all’altra, memorizzassero tutti i veicoli che vogliono attraversare e creassero il loro duplicato sull’altra sponda. In quanto tali, sono un ghiotto obiettivo per gli hacker. 

Advertisements

Infatti, più di un miliardo di dollari è stato rubato nel 2022 dai bridge di criptovaluta secondo i dati di Elliptic.

L’ultimo grosso hack è stato quello di Harmony a fine giugno, dove sono stati rubati ben 100 milioni di dollari.

A febbraio, 325 milioni di dollari sono andati in fumo su Wormhole, un bridge tra Solana ed Ethereum. Nomad consente l’interoperabilità delle blockchain di Avalanche, Ethereum, Evmos, Milkomeda e Moonbeam.